martedì 6 dicembre 2022

Recensione Il Re del Grano e la Regina della Primavera di Naomi Mitchison

Prima recensione di Dicembre, anche se ho letto il libro per buona parte a Novembre!
Ricordate Il viaggio di Halla? Oggi vi parlo di un nuovo libro inedito qui in Italia di Naomi Mitchison, pronti?

Un grazie alla casa editrice per la copia del libro!




Il Re del Grano e la Regina della Primavera
di Naomi Mitchison

Editore: Fazi
Pagine: 790
Prezzo: 19,00
Nel regno immaginario di Marob, sulla costa del Mar Nero, una giovane maga di nome Erif Der è costretta a sposare il potente rivale politico del padre, Tarrik, il Re del Grano e Capo di Marob, diventando così la Regina della Primavera. Il suo compito sarà proteggere l’avvicendarsi delle stagioni e la fertilità della terra. Erif, suo malgrado una pedina al centro dei giochi di potere tra il padre e il marito, dovrebbe condizionare il consorte attraverso la magia; i suoi poteri, però, non sortiscono gli effetti sperati perché il Re del Grano, dopo aver salvato da un naufragio un filosofo greco di nome Sfero, che inizia a condividere con lui il suo sapere, diventa immune agli incantesimi e decide di recarsi in Grecia di persona per approfondire le sue conoscenze di filosofia e politica. Anche Erif, dal canto suo, si dovrà imbarcare in un lungo viaggio per mare, che la porterà nella battagliera Sparta, dove il re Cleomene III vuole provare a cambiare le cose, e poi nell’Egitto opulento e pieno di piaceri: un’avventura complessa che la aiuterà a comprendere più a fondo il suo ruolo di Regina della Primavera, ampliare i suoi orizzonti e sfidare le norme precostituite. Straordinaria avventura di una donna che si libera della veste che le è stata assegnata per sperimentare la vita in tutti i suoi aspetti, Il Re del Grano e la Regina della Primavera, è un mix di magia, epica, mito e storia.

mercoledì 30 novembre 2022

Recensione Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno di Benjamin Stevenson

ULTIMO GIORNO DI NOVEMBRE!
Non sono pronta a Natale, neanche un po' e a dire il vero non sono neanche pronta all'anno nuovo, che ansia.
Ok, passiamo a cose più carine: il libro di cui vi parlo oggi mi è piaciuto!



Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno
di Benjamin Stevenson

Editore: Feltrinelli
Pagine: 384
Prezzo: 19,00
A Ernie Cunningham le riunioni di famiglia non sono mai piaciute. Di sicuro c’entra il fatto che tre anni prima ha visto suo fratello Michael sparare a un uomo e lo ha denunciato, un oltraggio che non gli è ancora stato perdonato. Perché i Cunningham non sono una famiglia come le altre. C’è solo una cosa che li unisce: hanno tutti ucciso qualcuno. Ora hanno deciso di ritrovarsi per un’occasione speciale: trascorreranno un fine settimana in un resort di montagna per festeggiare l’uscita di prigione di Michael. Ma i Cunningham non sono tipi da stare in pantofole davanti al caminetto. Il giorno dell’arrivo di Michael, viene trovato il cadavere di un uomo. Ha le vie respiratorie ostruite dalla cenere, come se fosse morto in un incendio, ma non ha ustioni sul corpo. Mentre una bufera si abbatte sul resort isolandolo e la polizia brancola nel buio, spetterà a Ern capire se il colpevole è uno dei suoi familiari, prima che vengano uccisi tutti.

giovedì 24 novembre 2022

Recensione Lila tre codini di Annalaura Guastini

Manco poco a Natale, poco più che un mese. State pensando ai regali?
Bene, oggi un consiglio se avete dei piccoli lettori per casa (o anche per voi, non faccio distinzioni).

Un grazie alla Casa editrice per la copia del libro!



Lila tre codini
di Annalaura Guastini

Editore: Harper Collins
Pagine: 256
Prezzo: 14,00
Lila ha otto anni, una fantasia sconfinata e una grande passione per l'investigazione. Quando nella cittadina di Nebbiasale arriva una banda di istitutrici squinternate, capitanate dalla temibile Loretta Rigidoni, c'è un mistero da risolvere... Cosa vogliono queste megere? Da dove sono spuntate fuori? La situazione precipita quando il coniglietto di Lila, il Colonnello Kurtz, scompare nel nulla. Mentre le istitutrici mettono in atto il loro spregevole piano di rieducazione dei bambini privandoli della fantasia e dell'immaginazione, Lila tenterà il tutto per tutto per fermarle e per ritrovare il suo coniglietto. Per fortuna ad aiutarla ci sono il suo nuovo amico Teo e l'eccentrica nonna Consuelo!

mercoledì 16 novembre 2022

Recensione Brave ragazze, cattivo sangue di Holly Jackson

Perchè novembre sta durando anni? Non so. 
Comunque, via con la recensione! Non cincischio perché non ho voglia.



Brave ragazze, cattivo sangue
di Holly Jackson

Serie: Come uccidono le brave ragazze #2
Editore: Rizzoli
Pagine:
Prezzo:
Pippa Fitz-Amobi è reduce dalle avventure che l'hanno portata alla risoluzione del cold case della morte di Andie Bell. L'indagine è ora raccontata per filo e per segno in un podcast, che sviscera tutti i particolari dell'indagine. Pippa, segnata dagli eventi dell'anno precedente, afferma a gran voce che dopo la scorsa esperienza ha chiuso con il voler fare la detective.
Ma improvvisamente il fratello del suo amico Connor sparisce. La polizia non vuole fare nulla a riguardo, E Pippa si ritrova immersa in una nuova indagine, che mai avrebbe immaginato potesse portare a galla segreti tanto loschi. E questa volta, tutti sono in ascolto. Ma riuscirà a trovarlo prima che sia troppo tardi?

giovedì 10 novembre 2022

Recensione Promettimi che imparerai a nuotare di Tommaso Fusari

VOLETE LA RECENSIONE DI UN BEL LIBRO?
Eccovela!
Avvertenze: vi serve del cioccolato e pure dei fazzolettini.

Non cincischio oltre e andiamo!




Promettimi che imparerai a nuotare
di Tommaso Fusari
Editore: Mondadori
Pagine: 324
Prezzo: 18,00
Fin da bambino Alessandro ha un dono speciale: riesce a sentire il dolore degli altri. Gli basta guardare negli occhi le persone per entrare nel loro 'fondo', il posto cioè dove custodiscono le ferite che non mostrano a nessuno. Ma stare laggiù è terribile. Ti sembra di morire ma alla fine non muori mai. Per questo Alessandro ha scelto di planare sulla vita evitando qualsiasi contatto profondo con il mondo esterno. Accanto a lui ci sono soltanto la madre e Davide, il suo migliore amico, unica zona sicura in cui cercare riparo. Tutto cambia, però, quando entra in scena Claudia, una ragazza dagli occhi cangianti che si ostina ad usare un vecchio walkman per ascoltare la sua musica. Con lei Alessandro scopre che negli sguardi che incontra può anche trovare altro, non solo il buio. Ma ora che Claudia è lontanissima, Alessandro sceglie di rintanarsi nuovamente in se stesso. I suoi propositi, però, vanno in frantumi non appena la sua strada incrocia quella di quattro persone e il loro personalissimo fondo: Greta, una diciassettenne che sta cercando di sopravvivere all'adolescenza nonostante la madre depressa e il padre in carcere; Julieth, una giovane donna maltrattata dal marito alcolizzato, e Jay, suo figlio, un bambino dagli occhi grandi innamorato dei supereroi. Infine Achille, l'anziano vedovo che gestisce il negozio di dischi che Claudia tanto amava. Tutti loro, inconsapevolmente e ognuno a modo suo, aiuteranno Alessandro a capire che i muri proteggono sì dalla sofferenza propria e altrui, ma dividono anche. E che forse qualche volta vale la pena restare perché, che sia tuo o di un altro, non puoi vincere un dolore scappando. Puoi però imparare a nuotarci dentro, con la consapevolezza che in superficie ci sono mani pronte a stringere le tue e a dirti che puoi ancora farcela.

lunedì 7 novembre 2022

Mini Recensione Anastasia Krupnik di Lois Lowry

NUOVA (mini) RECENSIONE PER VOI!
Non vi interessa saperlo, ma è arrivato il freddo! AAAH! La bellezza dello stare sotto le coperte!

Pronti per una nuova avventura con Anastasia?

Un grazie alla casa editrice per il libro!




Anastasia Krupnik
di Lois Lowry

Serie: Anastasia Krupnik #1
Editore: 21 lettere
Pagine: 160
Prezzo: 14,00
Nel primo volume della serie, la giovane Anastasia si trova alle prese con la popolarità, una verruca sul pollice, il nuovo arrivo del fratellino Sam… Se è vero che Anastasia è una grande lettrice, è anche vero che scrive molto: elenchi, compiti scolastici, poesie, liste di vario tipo... Scrivere le risulta piuttosto semplice grazie alla sua fertile e sfrenata immaginazione.

venerdì 28 ottobre 2022

Recensione MEH Fairy Tale di Stephen King

Signore e signori, mi duole dirvi che questo mese si chiude con una recensione MEH.
C'è della delusione nonostante per certi versi fossi stata avvisata...che amarezza.



Fairy Tale
di Stephen King

Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 677
Prezzo: 21,90
Un ragazzo, il suo cane, la discesa in un mondo magico e oscuro. Benvenuti nel lato oscuro del «c'era una volta». Charlie Reade è un diciassettenne come tanti, discreto a scuola, ottimo nel baseball e nel football. Ma si porta dentro un peso troppo grande per la sua età. Sua madre è morta in un incidente stradale quando lui aveva sette anni e suo padre, per il dolore, ha ceduto all'alcol. Da allora, Charlie ha dovuto imparare a badare a entrambi. Un giorno, si imbatte in un vecchio - Howard Bowditch - che vive recluso con il suo cane Radar in una grande casa in cima a una collina, nota nel vicinato come «la Casa di Psycho». C'è un capanno nel cortile sul retro, sempre chiuso a chiave, da cui provengono strani rumori. Charlie soccorre Howard dopo un infortunio, conquistandosi la sua fiducia, e si prende cura di Radar, che diventa il suo migliore amico. Finché, in punto di morte, il signor Bowditch lascia a Charlie una cassetta dove ha registrato una storia incredibile, un segreto che ha tenuto nascosto tutta la vita: dentro il capanno sul retro si cela la porta d'accesso a un altro mondo. Una realtà parallela dove Bene e Male combattono una battaglia da cui dipendono le sorti del nostro stesso mondo. Una lotta epica che finirà per vedere coinvolti Charlie e Radar, loro malgrado, nel ruolo di eroi. Dal genio di Stephen King, una nuova avventura straordinaria e agghiacciante, una corsa a perdifiato nel territorio sconfinato della sua immaginazione.

mercoledì 26 ottobre 2022

Recensione La più bella del reame. Grimilde, la vera storia di Serena Valentino

Bentornati per una nuova recensione!
Oggi si parla di cattivi! Conoscete la Regina Cattiva?

Un grazie alla Casa Editrice per la copia del libro!




La più bella del reame. Grimilde, la vera storia
di Serena Valentino

Serie: Villains #1
Editore: Giunti
Pagine: 224
Prezzo: 14,00
Disney Villains è la collana dedicata ai “cattivi” dei più famosi film Disney. Finalmente, con questo volume è arrivata l’occasione di conoscere il punto di vista di Grimilde e di mettere in luce anche i lati più nascosti della sua personalità. Chi conosce il film Disney Biancaneve e i Sette Nani sa bene che la Regina Cattiva è davvero una persona terribile. Del resto chi potrebbe avere mai il coraggio di ordinare la morte della propria figliastra e pretendere, come prova dell’avvenuto assassinio, il cuore della poveretta in uno scrigno? Ma Grimilde sarà stata sempre così o qualcosa nel suo passato l’ha trasformata al punto da renderla un vero mostro? La risposta potrebbe darcela proprio la figura spettrale che appare nello specchio magico, chissà che non sia lui il vero responsabile di tanta cattiveria.

giovedì 20 ottobre 2022

Recensione Organica di Laura Marinelli

Ogni tanto leggo dei distopici e ogni volta sento dei brividi lungo la schiena perché quei futuro narrati da autori e autrici non sono poi così impossibili. Questa volta siete curiosi di vedere a chi tocca?

Un grazie alla Casa editrice per avermi proposto e inviato il libro!



Organica
di Laura Marinelli

Editore: Moscabianca edizioni
Pagine: 201
Prezzo: 14,90
Ruth è una ragazza madre che vive in una città tenuta sotto scacco da due forze che ne regolano ogni aspetto: una è il Go, l’ente governativo che gestisce la produttività degli abitanti; l’altra, ben più subdola, è la Jester, ovvero la società che si occupa del marketing e della promozione dei prodotti. Se bisogna produrre, bisogna infatti consumare, e chiunque lo fa ormai ciecamente.
Ruth è una lavoratrice speciale, un’addetta alla fornitura di materiale organico. La Nuova Banconota, denaro ma al tempo stesso prodotto, è infatti realizzata a partire da residui umani.
Mentre assistiamo alla lenta discesa di Ruth e al suo annullamento come individuo, Laura Marinelli ci racconta a margine quali altre vite si sono esaurite a causa di burocrazie kafkiane e mercificazione infinita.
La distopia di Marinelli è una distopia biocapitalista: quando non resta altro da sfruttare, si cominciano a corrodere i corpi e le identità stesse.

giovedì 13 ottobre 2022

Recensione Come uccidono le brave ragazze di Holly Jackson

BENVENUTI A UNA NUOVA RECENSIONE!
Settembre si era rivelato un mese quasi "flop" per le letture, mentre ottobre si sta risollevando parecchio bene, anzi di questo libro di cui vi vado a parlare proprio ora sono piacevolmente sorpresa!

Pronti?



Come uccidono le brave ragazze
di Holly Jackson

Serie: Come uccidono le brave ragazze #1
Editore: Rizzoli
Pagine: 464
Prezzo: 17,00
Little Kilton, aprile 2012: Andie Bell, una delle ragazze più popolari della scuola, viene uccisa. O meglio, scompare, e il suo corpo non verrà mai ritrovato. L'assassino è Sal Singh, compagno di scuola e amico della vittima: la polizia e tutti in città ne sono convinti. Il suo suicidio a qualche giorno di distanza ha cancellato tutti i dubbi. Ma Pippa Fitz-Amobi, che al tempo dei fatti aveva dodici anni e che ora si prepara a fare domanda per il college, non ne è per niente sicura. Quando sceglie di studiare il caso come tesina di fine anno, comincia a scoprire segreti che qualcuno in città vuole disperatamente che rimangano tali. E se l'assassino fosse davvero ancora là fuori?

Direi che Come uccidono le brave ragazze possa essere definito un "libro fenomeno" non solo di Tik tok, ma anche delle altre piattaforme social e voi dovete sapere che quando sento roba del genere il mio naso si storce, vado un po' a tentoni e mi fido poco. Però, per questo titolo qui sono stata convinta da personcine di cui mi fido e allora mi sono buttata.
Ho fatto benissimo a fidarmi. Benissimo!

Faccio i miei complimenti a Holly Jackson e mi inchino a cotanta maestria! Il suo è un mistery YA e forse questo potrebbe far dire ai lettori un po' snob che non vale la pena di essere letto solo per questo e a questi vorrei dire: NON SAPETE COSA VI PERDERTE!
La componente Young Adult è davvero ben inserita nel contesto e non assorbe per nulla la storia, anzi. HO TEMUTO CI FOSSERO GLI INCIUCI AMOROSI DELLA PROTAGONISTA, MI SBAGLIAVO GRAZIE A ODINO.
La trama ha delle componenti tipiche dei mistery: ragazza scomparsa, false accuse e nuova indagine che porta a galla diversi lati oscuri e questi si intrecciano alla vita scolastica e a quelle di una calma cittadina inglese.
In fondo le "città calme" nascondono i più intriganti segreti e in questo caso appartengono tutti a Andie Bell, la tipica ragazza perfetta che si rivela essere...be', non ve lo dico, ma da parte mia pensieri non proprio carini sono stati pensati.
Nel 2012 Andie scompare in circostante non troppo chiare e a essere accusato, come spesso accade, è il suo ragazzo, Sal, e una serie di circostanze fa sì che portino quest'ultimo al suicidio. Morale della favola? Il senso di colpa per l'omicidio di Andie ha portato Sal ad ammazzarsi. Il caso è chiuso e sono tutti felici...o quasi.
Cinque anni dopo un'altra ragazza, Pip, cerca di dare nuova luce al caso grazie a un progetto scolastico e le tessere del puzzle saranno rimescolate per trovare una nuova collocazione.

BOOM.
Non vi dico altro sulla trama. ODINO, QUANT'È DIFFICILE RECENSIRE I GIALLI E SIMILI!
Ma cerco di concentrarmi su quelli che sono i punti che rendono fighissimo il libro (si può dire "fighissimo, vero?):
I PERSONAGGI: Pip è fantastica, davvero. Una ragazza con le idee chiare che non ha paura di farle valere. È intelligente, sagace e a differenza di tante altre protagoniste di libri di questo genere conosce il fatto suo. Anche i personaggi secondari sono ben delineati, l'autrice dà loro una storia e su questa crea delle solide basi per il libro e ognuno di loro diventa un tassello importante per la risoluzione del caso.
L'INTRECCIO: come ho detto prima il caso in sè non è nulla di nuovo, ciò che mi ha veramente intrigato è l'intreccio che si viene a creare. Agli occhi del lettore, a quelli di Pip, si creano un sacco di piste possibili, ogni personaggio sembra essere il sospettato principale. La risoluzione del caso non è semplice o almeno non salta subito agli occhi: è fatta di tanti particolari e accenni che pian piano srotolano la matassa.
Io l'ho capito? 
Nì, avevo una mezza idea, ma per l'appunto la mia era solo una mezza verità. Cosa voglio dire? Dovrete leggere il libro per scoprirlo.

Come uccidono le brave ragazze è un bellissimo romanzo d'esordio (uno dei migliori letti quest'anno, lo dico) al suo interno ha tutto quello che potrebbe piacere a un lettore e farà arrovellare il vostro lato investigativo, garantito.

VOTO FINALE
★★★★★ su cinque

Vi ho convinto?

Alla prossima,


giovedì 6 ottobre 2022

Recensione Tilly e le pagine dimenticate di Anna James

 C'è qualcuno??

Uuuuuh uuuuh.
Dico a voi. Lo so che ci siete e io sono qui!


Non pubblico una recensione dal 22 settembre che non sarebbe neanche tantissimo tempo, ma dovete sapere che il mese appena trascorso non è stato dei migliori, anche dal punto di vista delle letture: sono state MEH, non completamente ma quasi.
Per fortuna Ottobre è iniziato con il piede giusto!

Un grazie alla Casa editrice per la copia del libro.




Tilly e le pagine dimenticate
di Anna James

Serie: Pages & co. #3
Editore: Garzanti
Pagine: 448
Prezzo: 16,00
C'è un unico posto che per Tilly è sinonimo di casa ed è la libreria di famiglia, la Pages & Co. Passerebbe ore a riordinare gli scaffali strabordanti di volumi e ad ascoltare il nonno mentre aiuta i clienti a trovare il libro giusto. Da qualche giorno, però, sembra che chiunque entri in libreria si dimentichi di punto in bianco perché ha varcato la soglia della Pages & Co. Tilly è sicura che non si tratti solo di lettori smemorati: il suo istinto di librovaga le dice che qualcosa non va nel mondo delle storie e decide di indagare. Così, grazie al suo dono speciale, entra nel magico universo in cui può incontrare i suoi personaggi preferiti. Insieme al suo migliore amico, il coraggioso Oskar, Tilly è pronta per un'altra avventura. Ma trovare le pagine dimenticate dai clienti è una vera impresa, perché il mondo dei libri assomiglia a un labirinto! Quello di cui i due amici hanno bisogno è una mappa che li guidi. È l'inizio di una specie di caccia al tesoro che li porterà a incontrare i protagonisti delle commedie di Shakespeare. Con il loro aiuto, Tilly e Oskar raggiungeranno il treno dell'immaginazione degli Archivisti. Solo Tilly è in grado di recuperare le pagine perdute, ma c'è chi trama nell'ombra e la giovane libraia deve stare in guardia se vuole aiutare chi, come lei, non può vivere senza la magia delle storie. La scrittrice Anna James ha creato un mondo perfetto per chi vorrebbe vivere in un libro: è l'universo di Tilly e dei librovaghi, che viaggiano da una storia all'altra, incontrando i personaggi dei classici più famosi di tutti i tempi.

giovedì 22 settembre 2022

Recensione Vardø: dopo la tempesta di Kiran Millwood Hargrave

Emh...sono qui!
Scusate, ma settembre è stato un mese...un mese..un mese.
Vediamo se riesco a riprendere come si deve la pubblicazione qui sul blog, anche se le letture sono state "mehino"!
Passiamo ai lati positivi: l'autunno è letteralmente dietro l'angolo.
URLO DI GIOIA!

Passiamo alla recensione, che è meglio.




Vardø: dopo la tempesta
di Kiran Millwood Hargrave 

Editore: Neri Pozza
Pagine: 336
Prezzo: 18,00
1617, Norvegia nordorientale. In una funesta vigilia di Natale, il mare a Vardø si è improvvisamente sollevato e una folgore livida ha sferzato il cielo. Quando la tempesta si è acquietata in uno schiocco di dita, così com'era arrivata, le donne si sono raccolte a riva per scrutare l'orizzonte. Degli uomini usciti in barca non vi era, però, nessun segno. Quaranta pescatori, dispersi nelle gelide acque del Mare di Barents. Alla ventenne Maren Magnusdatter, che ha perso il padre e il fratello nella burrasca, e a tutte le donne di Vardø non resta dunque che un solo compito: mettere a tacere il dolore e cercare di sopravvivere. Quando l'inverno allenta la presa e le provviste di cibo sono quasi esaurite nelle dispense, le donne non si perdono d'animo: rimettono le barche in mare, riprendono la pesca, tagliano la legna, coltivano i campi, conciano le pelli. Spinte dalla necessità, scoprono che la loro unità può generare ciò che serve per continuare a vivere. L'equilibrio faticosamente conquistato è destinato, però, a dissolversi il giorno in cui a Vardø mette piede il sovrintendente Absalom Cornet, un fosco e ambiguo personaggio distintosi, in passato, per aver mandato al rogo diverse donne accusate di stregoneria. Absalom è accompagnato dalla giovane moglie norvegese, Ursa, inesperta della vita e terrorizzata dai modi sbrigativi e autoritari del marito. A Vardø, però, Ursa scorge qualcosa che non ha mai visto prima: donne indipendenti. Absalom, al contrario, vede solo una terra sventurata, abitata dal Maligno. Un luogo ai margini della civiltà, dove la popolazione barbara dei lapponi si mescola liberamente con i bianchi e dove una comunità di sole donne pretende di vivere secondo regole proprie.

mercoledì 7 settembre 2022

Recensione Chiudo gli occhi e il mondo muore di Francesca Zappia

PRIMO LIBRO DI SETTEMRE.
E posso dire che si tratti di una delusione, mannaggia.
Curiosi di conoscere il perché?




Chiudo gli occhi e il mondo muore
di Francesca Zappia

Editore: Giunti
Pagine: 386
Prezzo: 14,00
La realtà non è mai come appare. A seguito di uno spiacevole incidente, Alex cambia scuola e quartiere. Ricominciare, per lei, è difficile. Ma questa è la sua ultima chance per poter accedere al college, ed è determinata a riuscirci. Armata della sua inseparabile macchina fotografica, Alex combatte una battaglia quotidiana per capire se ciò che vive è reale oppure no. Se le cose che vede e le persone che incontra sono vere, o solo uno scherzo della sua mente instabile. E quando conosce Miles, che sembra comprenderla coma mai nessuno ha fatto prima, può fidarsi di ciò che dice? E di ciò che le fa provare? O deve prepararsi a vederlo sparire, come se non fosse mai esistito?

lunedì 29 agosto 2022

Mini recensione Anastasia padrona di casa di Lois Lowry

AGOSTO STA FINENDO!
Vedete quel "Lo faccio a settembre" che vi osserva e vi giudica? Bene, non possiamo più rimandare quei propositi che avremmo voluto fare o possiamo rinviarli al prossimo anno?? MAH!

Comunque, nuova avventura di Anastasia in arrivo!

Un grazie alla Casa editrice per la copia del libro!




Anastasia padrona di casa
di Lois Lowry

Serie: Anastasia Krupnik #5
Editore: 21 lettere
Pagine: 138 
Prezzo: 14,00 euro
Chiunque può mandare avanti una casa, tutto ciò che serve è una tabella di marcia. Almeno, è ciò che pensa Anastasia. Così insieme al padre decide di aiutare la madre nelle faccende domestiche. Tuttavia, quando mamma deve andarsene per qualche giorno per un impegno di lavoro, Anastasia si trova a mettere alla prova la sua teoria. La casa inizia presto ad andare in sfacelo mentre lei deve affrontare la varicella del fratellino Sam, la visita di una vecchia fiamma di suo padre e il suo primissimo appuntamento.

martedì 23 agosto 2022

Recensione Creature luminose di Shelby Van Pelt

Eccomi di ritorno dopo una piccola pausa!
Forza che tra un mese è autunno, pronti? Io tanto tanto tanto tanto tanto tanto! 🍂

Il libro di cui vi parlo oggi è uno dei più belli di quest'anno, almeno per me e ovviamente sono qui per farlo scoprire anche a voi!






Creature luminose
di Shelby Van Pelt

Editore: Mondadori
Pagine: 396
Prezzo: 22,00
Tova Sullivan lavora per l'Acquario di Sowell Bay, una tranquilla cittadina nei pressi di Seattle: pulire i pavimenti durante le ore serali in compagnia delle creature che si muovono silenziose nelle vasche la aiuta a combattere la solitudine dopo la scomparsa di suo figlio Erik, quando era solo un ragazzo. La principale attrazione dell'acquario è Marcellus, un polpo gigante del Pacifico, che dalla sua vasca sembra osservare attento ogni mossa di Tova. Una sera, mentre sta passando lo straccio nell'ufficio del personale, Tova scorge Marcellus impigliato nei fili della corrente e delicatamente cerca di liberarlo. Mentre si domanda come abbia fatto a uscire dalla teca, il polpo stende un tentacolo verso di lei, come per abbracciarla. In quella creatura dotata di tre cuori e di un'eccezionale intelligenza, la donna trova inaspettatamente qualcuno che le assomiglia e la comprende: i due stringono una bizzarra amicizia fatta di complicità e gesti silenziosi. Le cose cambiano quando Tova per un infortunio viene sostituita da Cameron, un giovane appena giunto in città alla ricerca del padre biologico. Marcellus non tarda a capire che i due sono legati da qualcosa, e il suo straordinario intuito lo spinge a intervenire. Un esordio folgorante e commovente, che insegna come a volte guardare al passato possa aiutarci a costruire un futuro diverso. Un'amicizia capace di spezzare la più dura delle solitudini. La corrispondenza misteriosa di due anime speciali, creature imperfette e per questo incredibilmente luminose.



Sottotitolo di questo libro:
Un polpo per amico.

Sì, perché dopo averlo finito desidererete tantissimo un polpo per amico e poi piangerete pure, un classico.
Sono tipi intelligenti i polpi, non lo dico io, ci sono degli studi in merito e quello che succede in questa storia non è poi così verosimile e non osate dubitarne perché Marcellus potrebbe risentirne.

È lui che dà inizio alla storia e ci parla dalla sua vasca in un acquario, pensando ai vecchi giorni nell'oceano e guardando quegli strani esseri umani che capisce più di quanto facciano loro stessi. Marcellus è un polpo saggio e un grande osservatore, da piccoli dettagli si rende conto di tantissime cose: lo stato d'animo di chi l'osserva, come ognuno abbia un modo differente di camminare e trova particolari pure nelle singole impronte digitali lasciate sul vetro.
Gli esseri umani sono davvero strani, già.
E una in particolare attira la sua attenzione: Tova l'anziana donna che si occupa delle pulizie dell'acquario la sera. Lei è un tipo interessante, la classica vecchietta che non si arrende all'età e combatte la solitudine non stando mai ferma (credo che abbia più energia lei che io!), anche se nasconde dei dolori che le pesano sul cuore.
Entreremo nella sua vita in punta di piedi, scoprendo poco a poco tutto quello che la circonda. Per me è stato un personaggio davvero speciale, uno di quelli che vorrei avere accanto e sentire parlare per ore.
Il suo è un animo che cela quello che lo turba, forse perché teme di essere compatito o semplicemente perché non vuole che le sue angosce pesino sugli altri.
E poi arriva Cameron, il suo sostituto dopo un infortunio (che la ferma per circa 10 minuti), un trentenne che non sa bene cosa fare della propria vita. Il suo è un passato difficile che si ripercuote immancabilmente sul suo presente, anche se spesso credo che usi questo come un pretesto per giustificare la sua mancata voglia di mettersi veramente in gioco, fa di tutto per aggrapparsi a strane supposizioni che in fin dei conti si rivelano solo un altro modo per scappare dalla propria vita. In realtà credo che sia lo specchio di una fetta di generazione che dalla vita non ha avuto molto anche se gli era stato promesso il mondo intero: persone che restano indietro in una società che avanza seguendo dei dettami quasi imposti.

In fondo Cameron vive un po' di illusioni.

La sua vita finirà con intrecciarsi a quella di Tova e sarà possibile grazie a un aiuto fatto di tentacoli e ben tre cuori, perché Marcellus ancora una volta si è reso conto di un qualcosa che solo i suoi occhi attenti hanno saputo vedere.

Creature luminose va dritto dritto nella lista dei libri che mi hanno fatto bene al cuore, è una storia che porta con sé una sorta di serenità che spinge a guardare ai dettegli più piccoli che spesso si riv elano essere quelli importanti e di come il cuore conosca sempre la verità anche se questa è celata da un oceano.
I suo i personaggi sono così speciali che sembrano uscire dalle pagine.
Farò fatica nel dimenticare Tova, Cameron e Marcellus e soprattutto quest'ultimo mi ha fatto vedere come spesso il mondo vada visto da un'altra prospettiva.

Lo metto tra i libri più belli letti quest'anno? Lo metto tra i libri più belli letti quest'anno.

VOTO FINALE
☆☆☆☆☆ su cinque

Vi ho incuriosito?
Spero di sì!

Alla prossima,


giovedì 4 agosto 2022

Recensione La gazza di Elizabeth Day

Pronta prontissima con una nuova recensione!
Questa volta vi parlo di un thriller psicologico, non ne vedevate da un po' su questo blog, vero??

Allora pronti??



La gazza
di Elizabeth Day

Editore: Neri Pozza
Pagine: 400
Prezzo: 19,00
La porta grigia, i mattoni del colore delle nocciole tostate, la strada alberata e silenziosa per Londra, il quartiere ben frequentato: una casa perfetta per Marisa, illustratrice di libri per ragazzi, il rimedio a tutto ciò che nella sua vita chiede di essere riparato. Come lo è Jake, naturalmente, confortante come una pietra calda sul palmo della mano. Certo, quando la signora dell’agenzia immobiliare ha aperto la vetrata sul giardino, un uccello è volato dentro. Una gazza bianca e nera, che ha sbattuto contro le pareti prima di sfrecciare fuori, mandando in frantumi un vaso. Per Marisa, però, quell’apparizione improvvisa ha prodotto soltanto una lieve punta di disagio. Nessun segno infausto può offuscare il suo sogno di vivere con Jake e formare con lui una famiglia. Nei mesi successivi trascorsi in quella casa, la vita si svolge perciò, per la giovane illustratrice, come una vera e propria commedia romantica in cui le basta un semplice sguardo di Jake per capire che quell’uomo, cosí poco espansivo nei gesti e nelle parole, è la persona con cui condividere il resto dei suoi giorni. Finché un mattino arriva Kate, l’inquilina destinata a occupare la stanza di sopra, dato che i soldi non bastano mai. Bruna e disinvolta – l’esatto opposto di Marisa nell’aspetto –, trentaseienne critica cinematografica, Kate fa subito suo lo spazio comune della casa, abbandona le scarpe all’ingresso, si intrufola in ogni angolo, lascia lo spazzolino da denti accanto al loro anziché nel bagno di sopra, rivolge indelicate domande sul loro desiderio di avere un figlio, lancia sguardi insistiti a Jake. La sua invadenza si fa via via insopportabile per Marisa. Jake tenta di rassicurarla, ma nemmeno la notizia della sospirata gravidanza riesce a distogliere Marisa dalla sensazione sgradevole di avere un ospite ingrato in casa. Qualcosa non va in Kate: quella donna coltiva qualche oscuro disegno e non si fermerà finché non l’avrà realizzato. Dopo il successo de Il party, Elizabeth Day ritorna con un romanzo psicologico che ha ottenuto grande consenso di critica e di pubblico in Inghilterra. Un’opera che parla di maternità desiderata, di relazioni disfunzionali, dell’irreparabile danno del dolore, della realtà che prende la forma dell’ossessione. Con due voci narranti che si contendono la scena in un gioco di prospettive dal finale sorprendente.

venerdì 29 luglio 2022

Recensione Legendborn di Tracy Deonn

Manca poco all'autunno, vero?
Verissimo.

No, fa troppo caldo passiamo alla recensione!
E un grazie a Studio 29 per la box tanto bellina (l'avete vista su Instagram, vero?) e la copia del libro!



Legendborn
di Tracy Deonn

Serie: Legendborn #1
Editore: Fazi
Pagine: 500
Prezzo: 18,00
Dopo che sua madre ha perso la vita in un incidente, la sedicenne Bree Matthews vuole lasciarsi tutto alle spalle. Il programma per liceali promettenti organizzato dall’Università della Carolina del Nord sembra l’occasione perfetta. Proprio durante la sua prima festa al campus, però, Bree nota delle misteriose presenze soprannaturali che seminano caos e violenza fra gli studenti per nutrirsi della loro energia. Un ragazzo tenebroso e affascinante di nome Selwyn Kane interviene per cancellare nei testimoni qualsiasi memoria dell’attacco, ma la sua magia non ha effetto su Bree che, anzi, ricorda di colpo molti particolari riguardo alle circostanze in cui è scomparsa la madre: possibile che la sua morte nasconda dei segreti magici? L’occasione per approfondire il mistero arriva grazie a Nick, il ragazzo più popolare dell’università, che le confessa l’esistenza della società segreta dei Leggendari. Quando questi si rivelano essere i discendenti dei cavalieri di re Artù e annunciano che una guerra magica sta per scoppiare, Bree deve decidere fino a che punto spingersi per scoprire la verità: userà la sua magia per abbattere la società, o si unirà alla battaglia?
Clamoroso successo di vendite e critica, Legendborn, in fase di pubblicazione in nove paesi e con una serie tv in corso di produzione, è l’inizio di una grande storia ricca di suspense: un’avventura imperdibile per tutti gli amanti del fantasy.

lunedì 25 luglio 2022

Recensione Sophia nei Mondi Storti di Moony Witcher

UNA NUOVA RECENSIONE PER VOI! Solo per voi, nient'altro che voi!
Questa volta vi porto tra le pagine di un libro per ragazzi, felici? Io sì.

Vi ricordate Moony Witcher?

Preparatevi a stare ben saldi perché nei Mondi Storti si trema un po'.
Un grazie alla Casa editrice per la copia del libro!



Sophia nei Mondi Storti
di Moony Witcher

Editore: Giunti
Pagine: 272
Prezzo: 16,00
Una bambina, Sophia, una bizzarra signora, Lady Margaret Prima Stelante, e un elegante e arrogante topo, Lord Buddy Butler, sono i protagonisti di questa grande avventura alla ricerca di Alvin, l'ultimo senzatempo. Per ritrovarlo, Sophia viaggerà - grazie alla Spitofora, una clessidra magica - in terre lontane chiamate Mondi Storti, tra personaggi spaventosi, docili, e saggi, fino ad affrontare l'orribile Barone Jukor. Delicata e profonda, la storia di Sophia è un inno alla solidarietà e al superamento della timidezza. Perché ciò che è storto può essere diritto. Ciò che è buono può essere cattivo. Ogni cambiamento è possibile, quando si affrontano le paure e si accetta di crescere.

I libri per ragazzi danno le soddisfazioni più grandi.
Lo so bene e la mia missione è farlo sapere anche a voi, capito? 

Oggi vi parlo di Sophia, una ragazzetta dagli occhi azzurri e dai codini biondi e la sua vita potrebbe essere quella di ogni bambina o bambino che ha vissuto il periodo della scuola come un incubo perchè tormentati dai bulletti. Solo che vive a Londra nel 1913. DETTAGLI, GLI STR**** SONO SEMPRE ESISTITI.
La nostra piccola protagonista è dolce e timida, una combinazione che può essere dal punto di vista sociale una condanna, infatti le sue terribili compagne di classe approfittano proprio di questi suoi aspetti per farle più male: la prendono in giro per le sue umili origini, per i vestiti che porta e per essere sempre silenziosa e discreta, ma dentro Sophia c'è un intero mondo da esplorare.
Adora tuffarsi nelle pagine dei libri e tra le poesie di Emily Dickinson (mia amata), suo animo affine, così da viaggiare in luoghi lontani cosa che vorrebbe fare anche nella realtà. Tutto cambia quando a suola viene creata una corrispondenza fatta di lettere tra alunni e anziani alla nostra Sophia capita Lady Margaret Prima Stelante, una vecchina parecchio eccentrica che già dopo le prime lettere l'invita a casa sua!

Ora penserete "Mandare una bambina da una signora appena conosciuta? " Ci saranno alcune situazioni che renderanno possibile tutto questo, direi una spinta che ha del magico, ma non troppo.
L'arrivo a casa di Lady Margaret sarà un vero nuovo inizio per Sophia e scoprirà ciò che rende speciale l'anziana signora: dei Mondi Magici in cui è semplice cadere perché a volte alla terra piace ballare un po', in cui tutto è storto e vi sono dei personaggi più unici che rari.
Un po' un Paese delle meraviglie (un tantino me lo ha ricordato, a dire il vero) dove non tutto è così assurdo e dove non vi è più tanta gioia perché l'invidia ha invaso pure quel luogo fatto di splendore.

Ciò che appare dritto spesso è storto. Dipende da come si guarda. La realtà non è sempre quella che appare. Lo imparerai e la tua vita sarà meno dolorosa. Supererai le difficoltà perché tutto può cambiare. Serve coraggio per essere ciò che si vuole.

Non vi parlo dei personaggi che accompagneranno Sophia in questo avventuroso viaggio tra i Mondi Storti, come vi ho detto sono particolari e originali e il topo con il cilindro in copertina è forse quello meno...strambo.
Sophia nei mondi storti è un'avventura magica di crescita e coraggio. La piccola protagonista imparerà tra alti e bassi a combattere la propria timidezza e far valere le proprie idee, non perdendo però la sua genuinità e purezza che da sempre la contraddistinguono.
Un libro che insegna a combattere le proprie paure, a superare i propri limiti e far sbocciare qualità che spesso si tengono sopite perché si ha paura di osare, quello di Sophia è un viaggio che assomiglia a un'allegoria della vita.

Una storia per ragazzi, ma che riflette benissimo l'essere adulti.

VOTO FINALE
★★★★ su cinque

Ah, potrebbero esserci nuove avventure in questo nuovo mondo? Chissà!

Vi ho incuriosito???
Alla prossima,








Se volete acquistare il libro cliccate qui:

lunedì 18 luglio 2022

Recensione La Regina di Attolia di Megan Whalen Turner

Non ve lo dico neanche che fa caldo perchè probabilmente fa caldo anche da voi e dire "caldo" aumenta solo la sensazione di morire soffocati dal proprio stesso corpo.

Però abbiamo una nuova recensione! La sottoscritta non soccombe...forse.
Oggi vi parlo de La Regina di Attolia, secondo libro della serie Il ladro della Regina iniziata con Il ladro.

AVANTI. LEGGETE.

Ah. Non ci sono spoiler sul primo libro, quindi se siete qui per curiosità o per sapere se iniziare questa serie, fate pure.

Un grazie alla CE per la copia del libro.



La Regina di Attolia
di Megan Whalen Turner
Serie: Il ladro della Regina #2
Editore: Fanucci
Pagine: 252
Prezzo: 14,90
La vendetta… Quando Eugenides, il Ladro di Eddis, rubò il Dono di Hamiathes, la regina di Attolia perse più di una mitica reliquia. Perse la faccia. Tutti sapevano che Eugenides l’aveva ingannata ed era fuggito. Per riabilitare la sua reputazione e riaffermare il proprio potere, la regina di Attolia non si dà per vinta e accetta ogni aiuto che le viene offerto mettendo a rischio il suo regno per portare a termine la vendetta perfetta. Ma... Eugenides può rubare qualsiasi cosa. Lo ha già dimostrato, è scaltro e sicuro di sé. E schernisce la regina di Attolia muovendosi attraverso le roccaforti apparentemente a suo piacimento. Lei decide quindi di attendere, sicura della consapevolezza che il Ladro scivolerà prima o poi, che ruberà nel suo palazzo una volta di troppo. A quale prezzo? Quando Eugenides scopre che il suo piccolo Paese di montagna è in guerra con Attolia, deve rubare una donna, deve rubare una regina, deve rubare la pace. Ma il suo più grande trionfo, e la sua più grande perdita, sta nel catturare qualcosa che la regina di Attolia pensava di aver sacrificato molto tempo prima... Questa edizione di La regina di Attolia include La danza del coltello, una storia esclusiva su Eugenides, un’introduzione ai personaggi e la mappa del mondo di Il Ladro della Regina.

Con questo secondo libro mi è chiara una cosina: all'autrice piace concentrare tutto il suo potenziale nelle ultime 50 pagine, come ne Il ladro in quei capitoli finali per me è stato difficile staccarmi.
Con questo non voglio dire che il resto non sia meritevole di lettura. Oh no.
Rispetto al primo vi è una maggiore dinamicità e la storia entra più nel vivo, pagina dopo pagina si entrano nei meccanismi dell'ambientazione e dei Regni che ne sono protagonisti.
Vi è un sacco di strategia politica/militare e come sapete queste cosine a me sconfinferano parecchio!
Attolia, Eddis, Sounis, Media.
Luoghi di cui sappiano relativamente poco, ma che ruotano attorno a un "gioco" fatto di supremazia e intrighi. Tra tutto questo vi è il nostro protagonista che ancora una volta torna con le sue spericolate peripezie di Ladro della ReginaEugenides.
Se avete letto il primo libro...
..o no.

Pinterest
Dicevo. Come avete letto nel primo libro sapete bene che il suo è un carattere esuberante e determinato, niente per lui è impossibile. Bene, dimenticatelo. Almeno per un po'.
Purtroppo al nostro caro Eugenides succede qualcosa che lo rende meno lui. Quello che accade fin dai primi capitoli è inondato dal dolore del nostro protagonista, un dolore fisico e anche psichico.
Catturato e torturato dalla Regina Attolia perderà qualcosa che lo farà disperare ed entrare in una sorta di depressione tale da non rendersi conto di quello che ha attorno, infatti i regni sono sull'orlo di una guerra e quello che gli è successo potrebbe essere la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
La Regina di Eddis, sua cugina ed eterna amica, non accetta quello che gli è stato fatto e dichiara guerra ad Attolia.
Da qui sarà un susseguirsi di attacchi e sotterfugi tra Eddis, Attolia e i Regni vicini ed Eugenides poco  a poco prenderà di nuovo conoscenza del suo vero essere nonostante quello che gli è capitato e si rivelerà essere di nuovo il grande Ladro di Eddis e infatti...bè, ruberà la Regina Attolia.
E a dire il vero lui è uno di quei personaggi che non si sa mai cosa potrebbe inventarsi, è molto imprevedibile. Mi piace.
Menzione molto speciale pure per Attolia. CHE REGINA. Una vittima degli eventi che ha saputo prendere in mano il proprio destino anche a costo di procurarsi una reputazione che la dipinge come una tiranna senza cuore, una bestia capace di tutto pur di tenere saldo il proprio trono.

Oh sì, La Regina di Attolia mi è piaciuto più del primo che era parecchio introduttivo, qui si ha maggiore caratterizzazione dei personaggi e si entra dentro nel vivo della storia e dei suoi meccanismi fatti di Regni e politica. Nel leggerlo mi sono sentita parte degli avvenimenti e avevo voglia di dare suggerimenti su quello che stava accendendo (tipo prendere a testate il nostro Ladro non sarebbe stata una cattiva idea a un certo punto) e vi dirò ho provato anche simpatia per una specie di instalove che si è venuto a creare e come sapete non mi fanno sempre impazzire.
Per quanto sia un fantasy in cui la componente magia sia quasi assente riesce comunque a tenere viva l'attenzione, perchè i complotti di Attolia e Eddis sembrano non avere fine...o quasi.
Soprattutto se c'è di mezzo un certo Ladro!

VOTO FINALE
★★★★ su cinque

Spero di avervi incuriosito!
Alla prossima,







Se vuoi acquistare il libro clicca qui:

martedì 12 luglio 2022

Recensione di The Atlas six di Olivie Blake

ECCO QUA LA RECENSIONE DEL LIBRO DEL MOMENTO.
O lo era la settimana scorsa? Un momento...qual'è "il libro del momento" di adesso?? MISTERO.
Comunque...recensione!



The Atlas six
di Olivie Blake

Serie: Atlas #1
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 436
Prezzo: 17,90
Segreti. Tradimenti. Potere. Benvenuti nella Società Alessandrina. «Cos'altro se non la morte potrebbe conferire una tale vita alla conoscenza che proteggiamo?» Ogni dieci anni, ai sei maghi più talentuosi in circolazione viene offerta la possibilità di conquistarsi un posto nella Società Alessandrina, l'istituzione più segreta ed esclusiva del mondo, che garantirà loro potere e prestigio oltre ogni limite. In occasione della nuova iniziazione, il misterioso Atlas Blakely sceglie: Libby Rhodes e Nico de Varona, due fisicisti che controllano gli elementi e sono in competizione da tempo immemore; Reina Mori, una naturalista che comprende il linguaggio della vita stessa; Parisa Kamali, una telepatica per cui la mente non conosce segreti; Callum Nova, un empatico in grado di far fare agli altri qualunque cosa; e Tristan Caine, capace di smascherare qualsiasi illusione. Ciascuno dei prescelti dovrà dimostrare di meritare l'accesso alla Società e lottare con tutte le sue forze per ottenerlo, sebbene ciò significhi stringere alleanze con i nemici giurati e tradire gli amici più fidati. Perché, anche se i candidati straordinari sono sei, i posti nella Società sono solo cinque. E nessuno vuole essere eliminato.