giovedì 15 novembre 2018

Il tortellino muore nel brodo di Filippo Venturi |Recensione MEH|

ALTRO LIBRO MEH DELLA SETTIMANA!
Che gioia!
*sarcastic mode*
Non siete felicissimi?
Io danzo, salto e corro come una bimbetta! Il ritratto della felicità!



E  NON VENITEMI A DIRE CHE SONO UNA BLOGGER CHE AMA E ADORA TUTTO CIÒ CHE LEGGE.


Il tortellino muore nel brodo
di Filippo Venturi
Editore: Mondadori
Pagine: 204
Prezzo: 18,00
Emilio Zucchini, proprietario della trattoria La vecchia Bologna, è uno scapolo impenitente, devoto alla gioia dei suoi clienti e al rispetto ortodosso delle ricette della cucina bolognese. Nicola Fini è il suo amico fraterno che è appena stato abbandonato di punto in bianco dalla moglie, ritrovandosi con due bambini a cui fare da papà single. Joe Solitario è un cantautore disperato che, dopo aver sprecato la sua grande occasione nella finale del più famoso talent show italiano, si improvvisa rapinatore per inseguire la sua ultima speranza: un volo di sola andata verso una nuova vita. Cico Pop e Mangusta sono gli scagnozzi di un boss della malavita locale incaricati di rubare per lui una moneta che non vale niente ma che ai suoi occhi significa tutto. Quando, in un campale venerdì mattina, le strade di questi cinque personaggi si incrociano, l'effetto non può che essere deflagrante. Quante possibilità ci sono che i tre criminali da strapazzo scelgano la stessa banca, lo stesso giorno e la stessa ora per mettere a segno il loro colpo? E quanta sfortuna deve avere Nicola per ritrovarsi a passare lì di fronte proprio durante la rapina, con in macchina quel poco che è rimasto della sua famiglia? Eppure, le coincidenze fanno parte della vita. E sono uno degli ingredienti fondamentali di questa rocambolesca storia. Insieme agli imprevisti, al buon cibo e a un'abbondante dose di umorismo.

lunedì 12 novembre 2018

Il mistero della casa del tempo di John Bellairs |Recensione MEH|

Recensione MEH.
E QUESTA SETTIMANA NON SARÀ LA SOLA, AHIMÈ.
MEH.
MEEEEEH!

Delusione profonda che va giù giù giù nel profondo degli abissi del mio malcontento! Eppure ero cosi curiosa, così contenta di aver vinto questo libro grazie al contest della Dea Planeta che ringrazio ancora veramente tanto, sono stati carini carini e forse questo ha reso la mia delusione ancora più cocente.
ME TANTO TRISTE.


Il mistero della casa del tempo 
di John Bellairs
Serie: Lewis Bernavelt #1
Editore: Dea Planeta
Pagine: 165
Prezzo: 16,00
È una tiepida sera di fine estate quella in cui Lewis Barnavelt, dieci anni e una valigia consumata tra le mani, si ritrova davanti al cancello di una casa misteriosa. La sua nuova casa. Da quando i genitori sono morti in un terribile incidente d'auto, nulla è più stato come prima. Lewis si è lasciato tutto alle spalle e si è trasferito dall'altra parte del Paese. A casa dello zio Jonathan. Non l'ha mai conosciuto, ma quello che ha sentito dire di lui non gli piace per niente. Lo zio Jonathan è sempre stato il più eccentrico della famiglia, un fumatore incallito e un giocatore d'azzardo. E ora dovrà prendersi cura di lui. Ciò che aspetta Lewis però supera ogni immaginazione: una casa che nasconde passaggi segreti, sortilegi e illusioni, e uno zio che si dedica all'occultismo e alla magia insieme alla stravagante vicina. Lewis non riesce a credere ai propri occhi e comincia a cimentarsi con le arti magiche in prima persona. Almeno fino alla notte di Halloween. La notte in cui commette uno spaventoso errore, riportando in vita la crudele e potente strega che abitava nella casa prima dello zio. Serenna Izard. Serenna è tornata per un motivo: portare a termine un vecchio e diabolico piano. Molti anni prima, infatti, la donna aveva costruito insieme al marito un orologio stregato, capace di distruggere l'umanità intera, e lo aveva nascosto nelle mura della casa. Ora toccherà a Lewis trovare l'orologio e, forse, salvare il mondo.

giovedì 8 novembre 2018

Le notti di Salem di Stephen King |Recensione|

Oh, lo so! 
Halloween è passato già da un po' e io son qui che vi propongo un libro horror e per di più un libro del Re, ma dovete sapere che questo libricino (che tanto 'ino' non è) mi ha tenuto compagnia durante quei giorni da bbbbbbrivido!





Le notti di Salem
di Stephen King
Editore: Bompiani
Pagine: 441
Da sempre a Marsten House, la maledetta dimora di Salem's Lot, una tranquilla cittadina americana, accadono cose strane e continuano ad accaderne, in particolare da quando due uomini misteriosi si sono stabiliti in quella casa, disabitata da anni. Ben Mears, lo scrittore tornato a Salem's Lot per cancellare gli incubi dell'infanzia, si troverà a fronteggiare altri orrori. Orrori tali da far gelare il sangue nelle vene...
EDIZIONE NON PIÙ IN COMMERCIO.

martedì 6 novembre 2018

Andiamo a vedere il giorno di Sara Rattaro |Recensione in anteprima|

GIOIA e GIUBILO NEL REGNO!
Esce oggi il nuovo libro di Sara Rattaro!
*urla per tutto il blog*

Contenete la vostra felicità, fate i bravi su!
O forse dovrei contenermi io? Mi sa di sì.

Solo ieri vi ho lasciato la recensione di Non volare via e oggi trovate quella di Andiamo a vedere il giorno e, come vi ho già detto ieri, questi due libri sono estremamente legati...
Non siete curiosi?!?!

Un grazie alla Sperling & Kupfer per la copia!


Andiamo a vedere il giorno
di Sara Rattaro 
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 196
Prezzo: 16,90
Alice è stata una figlia modello e una perfetta sorella maggiore, quella che in famiglia cercava di tenere insieme tutti i pezzi mentre il padre stava per abbandonarli, quella che per prima ha trovato il modo di comunicare con il fratellino, nato privo di udito, e di farlo sentire «normale». Ha pensato agli altri prima che a se stessa, ha seguito le regole prima che il cuore e adesso, di fronte a una passione che ha scardinato tutti i suoi schemi e le sue certezze, si ritrova a mentire, tradire, fuggire. Ma sua madre, Sandra, non ha alcuna intenzione di lasciarla sola. Su quel volo per Parigi c'è anche lei, e insieme iniziano un viaggio che è un guardarsi negli occhi e affrontare tutti i non detti, a partire da quel vuoto che ha rischiato di inghiottire la loro famiglia tanti anni prima. Alice si illude che, ritrovando la persona che si era insinuata nelle crepe della loro fragilità, possa dare una risposta a tutti i perché che si porta dentro, magari capire ciò che sta accadendo a lei ora, vendicare il passato e punire se stessa. Le occorreranno chilometri e scoperte inattese, tuttavia, per comprendere che non è da quella ricerca che può trovare conforto. Perché una sola è la verità: la perfezione non esiste, solo l'amore conta, solo l'amore resta. E la sua famiglia, così complicata, così imperfetta, saprà dimostrarle ancora una volta il suo senso più profondo: essere presente, sempre e a ogni costo. Per continuare insieme il cammino, qualunque sia la destinazione.

lunedì 5 novembre 2018

Non volare via di Sara Rattaro |Recensione|

Buon inizio di settimana miei cari sniffa inchiostro!
Con una connessione ballerina vi preannuncio che questa sarà una settimana abbastanza piena! SIA LODATO IL DIO DEI LIBRI!
La recensione di oggi sarà dedicata ad un libro di Sara Rattaro, ma (ATTENZIONE, ATTENZIONE) domani 6 novembre troverete tra gli scaffali un nuovo libro di questa fantastica autrice! Sto parlando di Andiamo a vedere il giorno e dovete sapere che i protagonisti di questo nuovo libro sono presenti anche in Non volare via e allora se non l'avete letto dovete assolutamente recuperarlo!
Ma adesso bando alle ciance e via con le danze!

TI PREGO CONNESSIONE NON MI ABBANDONARE!


Non volare via 
di Sara Rattaro
Editore: Garzanti
Pagine: 222
Prezzo: 9,90
Matteo ama la pioggia. Gli piace sentirne il tocco leggero sulla pelle. Perché quello è l'unico momento in cui è uguale a tutti gli altri. Perché Matteo è nato sordo. Oggi è giorno di esercizi. La logopedista gli mostra un disegno con tre uccellini. Uno vola via. Quanti ne restano? La domanda è continua, insistita. Ma Matteo non risponde, la voce non esce, e nei suoi occhi profondi c'è un mondo fatto soltanto di silenzio. All'improvviso la voce, gutturale, esce: "Pecché vola via?". Un uccellino è volato via e Matteo l'ha capito prima di tutti. Prima della mamma, Sandra. Prima della sorella, Alice. È il padre a essere volato via, perché ha deciso di fuggire dalle sue responsabilità. All'inizio non era stato facile crescere il piccolo Matteo. Eppure tutti si erano fatti forza in nome di un comandamento inespresso: "Restare uniti grazie all'amore". Ma è stato proprio l'amore a travolgere Alberto, un amore perduto e sempre rimpianto. Uno di quei segreti del passato che ti sconvolge la vita quando meno te l'aspetti. E lo fa quando credi di essere al sicuro, perché sei adulto e sai che non ti può succedere. E che poi ti trascina nell'impeto di inseguire i tuoi sogni. Ma adesso Alberto ha una famiglia che ha bisogno di lui. Sandra, la donna che ha sacrificato tutto per il figlio. Alice, la figlia adolescente che sta diventando grande troppo in fretta. Ma soprattutto ha bisogno di lui Matteo, che vorrebbe gridare "Papà, non volare via."