giovedì 29 dicembre 2016

#69 Cosa penso di Fuga dal Natale di Jonh Grisham |Recensione|

Lo so!
Lo so!
In questo periodo son un po' latitante, ma che ci volete fare è festa anche per me, ma questo fortunatamente no mi impedisce di leggere perciò in questi ultimi giorni di dicembre avrete qualche recensione, l'ultima arriverà proprio domani per chiudere il primo giro del Gruppo di Lettura con Rebel, ma oggi sono qui per parlavi di un libro che va un po' in contrasto con il periodo che stiamo vivendo!


Fuga dal Natale 
di Jonh Grisham
Editore: Mondadori
Pagine: 153
Prezzo: 9,90 euro
SINOSSI
Luther e Nora Krank sono un'affiatata coppia di mezza età, abituata a vivere secondo le tradizioni. Quando però la loro unica figlia, Blair, decide di partire come volontaria per il Sudamerica, un pensiero un po' folle, ma via via sempre più concreto, si insinua in loro: che senso ha trascorrere il Natale senza Blair? E se lo saltassero? I due decidono concordemente di rinunciare ai costosi e inutili festeggiamenti di Natale per concedersi una bella crociera ai Caraibi. Ma i poveri Krank vengono presi di mira da tutta una comunità che non accetta deroghe alla norma e saranno costretti a rivedere i loro piani... 



Inizio col dirvi che non voglio fare il Grich della situazione, ma io più leggevo questo libro e più annuivo dicendomi "Ha perfettamente ragione, è giusto così", perchè io avrei fatto lo stesso che ha fatto Luther in questo libro, io ogni hanno durante il periodo natalizio ho quella strana voglia di scappare via e non perchè non ami il Natale o altro (anzi, il Natale è il mio periodo preferito!), ma perchè trovo tutto troppo incasinato  e pretenzioso.
Iniziamo già a inizio dicembre a preoccuparci dei regali, del regalare cosa a chi, del "Ma l'anno scorso mi ha regalato questo e quest'altro, non posso mica presentarmi con questo!", del "Oddio, che preparo per la Vigilia?", del "Cosa fai a Capodanno?"...e basta! 
Ogni anno si peggiora, ancora e ancora.
Tutto ruota intorno al consumismo, tutto ruota intorno alle lucine e alle decorazioni e perdiamo il vero senso del Natale, il 'dolce' star insieme: niente di più semplice e noi invece ci complichiamo la vita con questo e quell'altro, che poi diciamocelo alcune volte è tutta una copertura fatta di finti sorrisi e auguri.
E così Luther e Nora, complice la partenza della loro unica figlia, decidono di fare le valige, prenotare i biglietti e boicottare il loro Natale organizzando una crociera ai Caraibi! Vi sembra facile, vero? Beh...non lo è!
Perchè in questa loro 'avventura' dovranno fare i conti con il loro quartiere che evidentemente prende il Natale molto sul serio e il solo fatto di saltarlo per un anno sembra quasi un peccato mortale e infatti i due coniugi cercheranno in tutti i modi di nascondere la loro partenza o perlomeno evitare i danni, perchè tutti i loro vicini sono molto dispiaciuti per questa loro decisione, anzi alcuni di loro la prendono proprio male!
Il tutto è molto enfatizzato, quasi esagerato (o almeno spero sia così!), quasi da portare me all'esasperazione non oso immaginare chi possa vivere in prima persona questa esperienza, perchè davvero per queste persone festeggiare il Natale è un obbligo civile e morale, guai a non farlo! Guai a non mettere le lucine fuori e decorare l'intera via! Qui si  chiamano i giornali perchè non fare Natale fa notizia e scalpore!
Ma dico io ognuno sarà libero di fare quello che gli piace?
Evidentemente no!

Ma non finisce qui per i nostri due 'eroi'!
Alla fine dovranno fare i conti con un piccolo imprevisto che scombussolerà i loro eventi, ma di farà risplendere in pieno il vero significato del Natale e grazie al cielo direi, perchè il tutto mi stava dando davvero sui nervi!
Nonostante l'esagerazione di alcuni comportamenti questo libro mi è davvero piaciuto perchè alcune cosucce sono davvero così come stanno scritte, il Natale sta diventando una corsa contro il tempo, un continuo susseguirsi di cose che hanno davvero poco a che fare con il vero Natale.
Chi non vorrebbe fuggirne a volte?
Alzate la mano e non fate i timidi, coraggio!

COMUNQUE.
Non so se lo sapete, ma di questo libro esiste anche il film che credo di aver visto solo l'inizio, ma devo assolutamente rimediare!

I VOTI DELLA SPACCIATRICE
STORIA: ★★★/5
STILE: ★★★/5
PERSONAGGI: ★★★/5
COPERTINA: ★★/5 

VOTO FINALE
 
Voi conoscete il libro o il film?
E cosa più importante....
Cosa farete a Capodanno?
(muahahahah)



 

4 commenti:

  1. Ciao Grazia! Ho visto il film qualche tempo fa e non sapevo esistesse un libro...devo rimediare! Il Natale è il mio periodo preferito dell'anno ma non amo la corsa ai regali...invece adoro le decorazioni :P

    RispondiElimina
  2. Ciao, Grazia! Sono approdata nel tuo angolino per caso, e devo dire che mi piace molto! Così non cibo pensato due volte a divenire tua lettrice fissa 😊 Mi chiamo anch'io Grazia, anche se chi mi conosce mi chiama Gresi. Ed ho anch'io un piccolo salotto virtuale 😊 Ti lascio il link nel caso sei interessata 😊http://dreamsink92.blogspot.it/

    RispondiElimina

I vostri commenti mi rendono felice!
Lasciatene uno, vi risponderò con piacere. ♥