venerdì 23 giugno 2017

Novità in libreria...per la Leggereditore!

Fa cald...NO.
Ho detto che no m sarei più lamentata del caldo su questo blog!

Misera me!
...
...
...

Passiamo alla segnalazione di alcune uscite della Leggere editore che mi sembrano giuste, giuste per l'estate! Siete pronti? Li troverete in libreria il 29 giugno!


Lo spazio tra le stelle
di Anne Corlett
SINOSSI
Tutto ciò che Jamie Allenby ha sempre desiderato è avere spazio intorno a sé, in cui sentirsi finalmente libera. Per questo ha abbandonato la Terra, sovrappopolata e claustrofobica, rifacendosi una vita in un mondo di frontiera, ai bordi della civiltà. Quando però un virus dilagante colpisce l’umanità, annientandola e lasciandone solo un vago ricordo, Jamie si ritrova definitivamente sola, finché un messaggio giunto dalla Terra accende in lei una flebile speranza... Chi è il suo autore? Forse l’amato Daniel? Jamie non può saperlo, ma il desiderio di scoprirlo la spinge a trovare ad ogni costo un modo per tornare indietro. Nel ripercorrere a ritroso i fili che legano la propria esistenza, Jamie incontrerà altri uomini alla ricerca della Terra, impegnati come lei in un’avventura irta di pericoli e minacce. I sopravvissuti, reietti intenzionati a proseguire lungo il cammino che ha condotto l’umanità alla perdizione, minacciano infatti di vanificare il loro prezioso inizio… Il viaggio di Jamie verso casa la aiuterà a chiudere la distanza tra chi è diventata e chi è destinata a essere. Ma si può davvero fuggire da un passato turbolento e abbracciare un futuro ricco di speranza? La storia di una donna che deve affrontare il vuoto dell’universo e del suo cuore.


Estate a Oyster Bay 
di Jenny Hale
SINOSSI
Dicono che innamorarsi sia facile. Ma cosa succederebbe se sapessi che l’amore ti spezzerà il cuore? Per Emily Tate, tornare nella casa dell’infanzia a Oyster Bay è come ricominciare a respirare dopo il ritmo affannoso della città. Circondata dalle chiacchiere della sorella Rachel, dai biscotti al burro di Gram e da chilometri di sabbia bianca e soffice, Emily ritrova sé stessa e ciò che ha di più caro. Quando inizia a lavorare nell’elegante Water’s Edge Inn, l’affascinante proprietario Charles Peterson chiede il suo aiuto. Il progetto dell’uomo è espandere l’albergo ma per far questo ha bisogno dei consigli esperti di una persona del posto. Emily accetta e si assume l’impegno di farlo innamorare della sua cittadina. È così che il loro rapporto inizia a trasformarsi in qualcosa di più profondo... Almeno fino a quando i piani di Charles per l’espansione dell’albergo non rischiano di compromettere la bellezza e l’integrità di Oyster Bay. Emily perderà la sua casa e Charles, o riuscirà a salvare Oyster Bay e dare una possibilità al vero amore? Estate a Oyster Bay è la lettura romantica perfetta per l’estate. Un romanzo sull’importanza degli affetti familiari e sulla scoperta dell’amore.


(Non) ti voglio 
di Christina Lauren
SINOSSI
Nonostante tutte le probabilità fossero contro di loro, dopo un primo imbarazzante incontro a una festa di Halloween organizzata da un amico comune, Carter e Evie si sono immediatamente piaciuti. Nemmeno il fatto di lavorare per agenzie concorrenti di Hollywood è servito a spegnere il fuoco che è divampato tra i due. Ma quando le loro aziende si fondono, ha inizio una spietatissima competizione per occupare la stessa posizione, e quella che sarebbe potuta diventare una meravigliosa storia d’amore si trasforma in una guerra all’ultimo sabotaggio... Per capire il sadico gioco in cui sono invischiati, come ignare pedine mosse dal loro comune capo, Carter dovrà reprimere la sua indole compiacente e Evie mettere da parte la sua sconfinata ambizione chiedendosi entrambi cosa desiderino davvero dalla vita. Riusciranno a ottenere il loro finale da favola hollywoodiano? Oppure andranno incontro a una dramedy di proporzioni epiche? Un romanzo appassionante, divertente e sincero del duo Christina Lauren al top della sua forma.


E con questo mi ritiro!
Sempre con tanto amore,
 

giovedì 22 giugno 2017

#45 Cosa penso di...Splendi più che puoi di Sara Rattaro |Recensione|

DALLA SERIE: GRAZIA IN QUESTO PERIODO LEGGE LIBRI CHE LA FANNO PIANGERE E/O ARRABBIARE.


Io inizio subito con la recensione, che è meglio.


Splendi più che puoi
di Sara Rattaro
Editore: Garzanti
Pagine: 222
Prezzo: 16,40 euro
SINOSSI
L'amore non chiede il permesso. Arriva all'improvviso. Travolge ogni cosa al suo passaggio e trascina in un sogno. Così è stato per Emma, quando per la prima volta ha incontrato Marco che da subito ha capito come prendersi cura di lei. Tutto con lui è perfette. Ma arriva sempre il momento del risveglio. Perché Marco la ricopre di attenzioni sempre più insistenti. Marco ha continui sbalzi d'umore. Troppi. Marco non riesce a trattenere la sua gelosia. Che diventa ossessione. Emma all'inizio asseconda le sue richieste credendo siano solo gesti amorevoli. Eppure non è mai abbastanza. Ogni occasione è buona per allontanare da lei i suoi amici, i suoi genitori, tutto il suo mondo. Emma scopre che quello che si chiama amore a volte non lo è. Può vestire maschere diverse. Può far male, ferire, umiliare. Può far sentire l'altra persona debole e indifesa. Emma non riconosce più l'uomo accanto a lei. Non sa più chi sia. E non sa come riprendere in mano la propria vita. Come nascondere a sé stessa e agli altri quei segni blu sulla sua pelle che nessuna carezza può più risanare. Fino a quando nasce sua figlia, e il sorriso della piccola Martina che cresce le dà il coraggio di cambiare il suo destino. Di dire basta. Di affrontare la verità. Una verità difficile da accettare, da cui si può solo fuggire. Ma il cuore, anche se è spezzato, ferito, tormentato, sa sempre come tornare a volare. Come tornare a risplendere. Più forte che può.


Solo due mesi fa ho letto L'amore addosso (recensione QUI) e mi ero detta che avrei letto un altro libro della Rattaro solo quando fossi stata pronta ed evidentemente questo è il periodo giusto, ma non toglie il fatto che mi sia attaccata alle pagine con la consapevolezza che questo libro mi avrebbe fatto male.
Il tema trattato  in questo libro dalla Rattaro è attuale e doloroso, si parla di violenza sulle donne, di femminicidio, è un romanzo che racconta una storia drammatica e violenta, ma anche di rinascita e forza.
La forza di una donna, Emma.

Emma potrebbe essere ognuna di noi, chiunque.
Una donna che crede nell'amore e che si butta tra le sue braccia in modo incondizionato, si fida e si sente protetta, ma poi le braccia stringono un po' e ogni volta la presa diventa sempre più forte, fino a stritolarla, fino a non lasciarla più libera.

Libertà.

Quella che in questo libro manca tante volte, perchè Emma non è più libera, la sua vita è nelle mani di Marco che decide cosa farne, sempre, tanto da rinchiuderla e privarla di tutto, anche dell'amore.
Un libro che mi ha fatto tanta rabbia: prima nei confronti di Marco, un uomo...no, un essere folle che nutre un amore malato nei confronti di Emma, anzi il suo non è amore è ossessione che diventa poi odio e la rabbia per la famiglia di Marco: il loro non fare nulla, il loro non dire mi ha fatto venir voglia di buttare il Kobo dalla finestra e non pensate che questa sia solo una storia inventata, una storia scritta su un libro, storie come questa sono reali solo che molte volte non vedono la luce del sole.

Insieme ad Emma percorriamo la sua storia prima d'amore e poi d'odio, la teniamo per mano e alcune volte vorremmo abbracciarla e proteggerla da quel dolore che la tiene imprigionata, insieme a lei ci preoccupiamo per la sua vita e per quella della figlia, un'anima innocente che non dovrebbe conoscere la paura e soprattutto insieme a lei speriamo e lottiamo

Ci sono donne che come Emma hanno paura di  raccontarla o addirittura di denunciare perchè la vergogna le divora e credono che la colpa sia la loro, hanno questa convinzione e spesso quando capiscono che non è così è troppo tardi.
Per Emma non sarà così fortunatamente, il suo cuore tornerà a splendere.

Un libro che fa male, che lascia qualche cicatrice addosso, ma che infonde tanta forza.

Anche se, a volte, il mondo te lo impedisce, tu splendi. Splendi più che puoi.

VOTO FINALE
☆☆☆☆☆ su cinque

Voi avete letto questo libro?
Se non l'avete ancora fatto correte!

With love,

mercoledì 21 giugno 2017

|La sfida estiva della League| Post iniziale


Ah!
È arrivata l'estate, stagione di caldo, sole, mare e amata da tutti...
...
....

ma anche no!
Ridatemi l'inverno, l'autunno!
MISERIACCIA!





Ok, basta non mi lamento più, giuro!
Se in futuro dovessi ancora lamentarmi del caldo insultatemi pure, va bene?
Ok!

Adesso passiamo ad altri argomenti di sicuro più piacevoli.
La cara Consuelo del blog Palle di neve ha avuto un'idea super carina per passare nel modo più piacevole possibile questi caldi mesi e così sul gruppo della Blogger League si è dato inizio ad una challenge che inizia oggi, primo giorno d'estate e finisce il 21 settembre! Un'idea bellissima, no?
Se volete farne parte anche voi non vi resta che iscrivervi al gruppo Facebook, correte!





 Gli obiettivi da portare a termine sono:
  • LEGGERE UN LIBRO DELLA PROPRIA TBR.
    Bene, benissimo direi. Ho una TBR lunga chilometri, sicuramente troverò qualcosa da leggere...anzi devo scegliere la mia prossima lettura! *pensa, pensa, pensa*
  • LEGGERE IL PRIMO LIBRO DI UNA SERIE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE O COMPLETA.
    Umh, ecco iniziano i problemi! Ho tante serie in mente, ma non so quale iniziare! HELP!
  • LEGGERE UN CLASSICO.
    Ah ah! Ho fatto scorta di classici, ne ho talmente tanti da iniziare che...
    ODDEO, quale inizio??
  • LEGGERE UN LIBRO SELF.
    In questi giorni mi è proprio arrivato un libro da un'autrice, chi sarà?
    Lo scoprirete presto!
     
  • LEGGERE UN LIBRO LA CUI COVER TI ATTIRA.
    Solo cover belle nella mia libreria, non sarà facile scegliere però! *sob*
  • LEGGERE UN CASO EDITORIALE.
    Fortunatamente siamo pieni di casi editoriali, che  poi siano libri più o meno validi è difficile da dire...che leggo adesso?
Ecco qui, sembrava semplice e invece mi son sorti mille dubbi...
...e quanto mai io non ho dubbi???

Io adesso vado a rinchiudermi  nel castello di ghiaccio di Elsa!



Sempre con tanto affetto,

lunedì 19 giugno 2017

#45 Cosa penso di...Tempi duri per i romantici di Tommaso Fusari |Recensione|

Ho finito questo libro sabato oggi è lunedì e ancora non sono riuscita a metabolizzarlo, se ci penso piango.
Direi di passare direttamente alla recensione.


Tempi duri per i romantici
di Tommaso Fusari
Editore: Mondadori
Pagine: 203
Prezzo: 16,00 euro
SINOSSI 
Stefano ha ventidue anni e una vita tranquilla. Simpatico, belloccio e con la battuta sempre pronta, divide il suo tempo tra le serate a Trastevere con gli amici, il lavoro che non ama particolarmente ma che gli permette di avere una casa tutta per sé, le polpette piene d'amore di mamma e la storia con Michela. Sembrerebbe andare tutto per il verso giusto eppure a Stefano qualcosa non torna. Non può fare a meno di sentirsi incompleto, fuori posto, fuori cuore. Stare con Michela gli ha fatto capire che "con una donna puoi ridere, mangiare, guardarci un film, scoparci tutta la notte, prenderci il caffè insieme e correre comunque il rischio di non amarla". Perché l'amore vero è un'altra cosa. E sta da un'altra parte. Allora succede che ritrovare un dischetto di cartone con sopra disegnato un pettirosso dia uno strattone alla sua vita costringendolo a ripensare a quando, dieci anni prima, era poco più che un bambino. E a ricordare quegli occhi scuri e profondi, quelle lentiggini che diventavano una costellazione, quel modo goffo e particolarissimo di tirarsi da parte i capelli rosso fuoco. Da quel momento niente ha più senso se non andare a cercarla, ovunque sia, rischiando di perdere tutto pur di ritrovarla. Lei, Alice, il pezzo mancante, la ragazzina che ti guardava in un modo che non sai spiegare, in un modo che ti sentivi subito a casa. Perché, davvero, certe volte perdersi diventa l'occasione unica e imperdibile per ritrovarsi. Perché "si possono dimenticare episodi, eventi, parole, canzoni, ma mai le persone che ci hanno fatto del bene".

«Allora ci vediamo tra poco.»
«Sì, ci vediamo tra poco, Alice.»

Quello tra Alice e Stefano è un 'tra poco' che dura dieci anni, dieci anni che li hanno visti crescere separati, dieci anni e neanche una parola tra i due.
Stefano sembra essersi dimenticato di quella ragazzina che gli ha fatto palpitare il cuore per la prima volta e che se ne andata via in una notte come se fosse stata spazzata via dal vento insieme ai suoi capelli rossi e alle sue lentiggini.
Il tempo passa e Stefano cresce, vive la sua vita fa degli sbagli e il suo cuore sembra non innamorarsi mai, poi quasi per sbaglio trova un oggetto in una scatola che si fa ricordo e allora gli vengono in mente degli occhi scuri, una promessa fatta tanti anni e il nome di Alice.
Alice.
Alice.
Alice.
Chissà che fine ha fatto Alice!

Inizia così la ricerca di Stefano, una ricerca che lo porterà a conoscere il passato di quella ragazzina con il sorriso sulle labbra ma i mostri sotto al letto, mostri veri da cui scappa, scappa, scappa...
Va via e da Roma si trova a Torino ed è lì che Stefano la ritroverà non più ragazzina, ma donna con degli occhi che sembrano ancora voler scappare da un gabbia che li imprigiona.
Da alcune gabbie è difficile scappare...

La vera gabbia è stata vivere senza amore per tutto questo tempo.

La storia tra Stefano e Alice è una di quelle storie che supera gli anni, sono storie che sembrano dimenticate ma che basta un niente per farle riaffiorare e poi i due ragazzi sono due pezzi di un puzzle: soli incompleti e insieme un magnifico quadro.

L'amore che Stefano prova per Alice è forte e inteso, capace di superare tutto e tutti, un amore senza il quale non sembra vivere, quello di lei, invece, è acerbo fatto di un'iniziale diffidenza figlia della delusione, ma che cresce pian piano fino a diventare qualcosa di grande.
Un qualcosa che hanno costruito insieme.
Stefano e Alice.

Il destino però ha qualcosa in serbo...

E io qui piango, piango, piango.
Perchè questo libro mi ha portato dentro la storia di questi due ragazzi, mi ha fatto fare il tipo per Stefano e il suo essere così innamorato, follemente innamorato di un amore capace di fermare le guerre e dare inizio ad una rivoluzione del cuore e poi c'è Alice...Alice che è una sopravvissuta, una lottatrice con il sorriso da bambina. 
Inutile dirvi che di questi due mi sono affezionata, sarà stata la loro storia così dolce e romantica (sì, ho un lato romantico anche io!) o la scrittura di Fusari che mi ha accompagnato tra il loro presente e il loro passato e non mi ha fatto solo piangere, ma anche ridere e pensare che non è vero che storie così esistono solo nei libri. L'amore esiste, solo che ogni tanto si perde ed è difficile tra ritrovare.

Per questo libro vi consiglio una buona dose di fazzolettini e della cioccolata, no anzi...facciamo una torta di mele!

VOTO FINALE
☆☆☆☆ e mezzo su cinque

Io cerco di riprendermi, voi intanto vedete di leggere questo libro!

sabato 17 giugno 2017

La spacciatrice segnala...Ulfhednar War - La guerra dei lupi di Alessio Del Debbio

FA CALDO.
Mi lamento spesso del caldo?
Non mi sopportate?
Bene, io non sopporto il caldo!

ODIO IL CALDO!

Mi trasferisco con i pinguini!


Okay, passiamo alla segnalazione di oggi!



Ulfhednar War - La guerra dei lupi 
di Alessio Del Debbio
Editore: Edizioni Il Ciliegio
Pagine: 412
Prezzo: 19,50 euro
Link d'acquisto: Amazon, Ibs, Feltrinelli, Mondadori
SINOSSI
Amici da anni, Ascanio, Daniel, Marina e la loro compagnia di Viareggio non desiderano altro che trascorrere una tranquilla vacanza insieme, ma il destino ha altro in serbo per tutti loro. Gli ulfhednar di Odino sono tornati e la Garfagnana non è più un posto sicuro da quando Raul ha preso il comando del branco del Vello d’Argento. Spetta ad Ascanio, ultimo discendente di una stirpe di officianti della Madre Terra, contrastare i suoi progetti di dominio, aiutato dal suo compagno Daniel, un ulfhedinn fuggiasco che ha imparato ad apprezzare la vita tra gli uomini. Ma dietro le mire espansionistiche del violento e indegno Alfa si nasconde un’ombra antica, disposta a tutto pur di aggrapparsi alla vita.
«Per questo continuiamo a provare. Per rendere onore a chi è caduto, per vincere le nostre paure e promettere a noi stessi di non fallire più.»
Ambientato in Toscana, tra Viareggio e le montagne della Garfagnana, il libro mescola mitologia nordica e celtica a storia e leggende toscane, alternando, con ritmo incalzante e colpi di scena, capitoli nel presente e altri nel passato. 
 
ESTRATTO
«A nessun uomo dovrebbe essere concesso di vivere così a lungo, di non provare la malattia né la vecchiaia, di pretendere di essere un Dio. È la brevità, assieme all’impossibilità di averne una seconda, ciò che rende la vita un bene prezioso, degna di essere vissuta in ogni attimo. Se invece la morte diventa uno spauracchio per bambini e l’esistenza infinita, allora non è più vita. È banalità. È immeritata sopravvivenza. È trascinarsi di giorno in giorno senza sapere perché». (Johanna)
 


 Allora questa volta ho attirato la vostra curiosità?
 
 

mercoledì 14 giugno 2017

#44 Cosa penso di...Victoria di Daisy Goodwin |Recensione|

Oggi, miei cari, il blog ha l'onore di ospitare una regina!
Siete emozionati?


Porgiamo i nostri saluti alla regina Vittoria!

(Grazie infinite alla Sonzogno per la copia!❤)
Victoria
di Daisy Goodwin
Editore: Sonzogno
Pagine: 432
Prezzo: 19,50 euro
SINOSSI
Vittoria ha solo diciott’anni quando, nel 1837, la morte dello zio Guglielmo IV la innalza al trono d’Inghilterra. Esce da un’adolescenza malinconica e nei suoi primi giorni da regina viene guardata a vista dalla madre e dall’onnipresente e ambizioso Sir Lord Conroy, che esercita una grossa influenza sugli affari di stato e si sente minacciato dal carattere indipendente della giovane sovrana. Sebbene il potere la seduca fin da subito e le conferisca una straordinaria energia, le prime mosse dell’inesperta Vittoria sono però piuttosto avventate, soprattutto quando solleva pesanti, e ingiusti, sospetti contro l’inseparabile dama di compagnia di sua madre, accusata di intrattenere una relazione con l’odioso Conroy. Questo e altri passi falsi gettano una luce sinistra sulla regina, che non piace né al parlamento né ai sudditi. Gli scandali si succedono, insieme agli intrighi della corte per ostacolare la sua ascesa. Inoltre, agli stentati inizi sembra che stia per aggiungersi un matrimonio di pura convenienza dinastica. E invece... Le nozze con il cugino Albert si riveleranno il felice punto di svolta della vicenda pubblica e sentimentale di Vittoria d’Inghilterra, destinata, grazie alla non comune abilità politica e all’intrepida personalità, a segnare l’Ottocento britannico e a diventare una delle più grandi figure femminili della storia.

Per prima cosa vorrei che ammiraste la bellezza della copertina di questo libro, non è bellissima?
Giuro che starei ore ad ammirarla con sguardo sognante!
La cover non è l'unica cosa bella di questo libro vi assicuro che anche il suo interno è magnifico e credo di essermene innamorata completamente. Vi devo dire che questo è un secondo innamoramento, il mio cuore aveva già perso qualche battito grazie alla serie tv dedicata a Victoria e questo libro nasce dalla sceneggiatura di quest'ultima, infatti l'autrice è la stessa.
Leggendo questo libro ho avuto una sorta di dejavù perchè serie tv e libro sono praticamente identici, ma questo non mi ha dato alcun fastidio, anzi ho vissuto meglio ogni singola vicenda avendo già un'idea ben chiara dei personaggi e sopratutto dei luoghi. Non vi nascondo, però, che leggendo ho avuto emozioni ancora più forti, emozioni che solo un bel libro può trasmettermi e questo è un libro splendido (ve lo ripeterò all'infinito)!
L'autrice ha saputo perfettamente inquadrare la figura della regina Vittoria, tracciarne il carattere e descrivere i primi anni del suo regno non rendendo mai noiosa la narrazione, cosa che di solito si aspetta da un romanzo storico.
In questo libro verremo a conoscenza dell'infanzia malinconica della regina dovuta alla sua quasi 'prigionia'  a Kensington, del suo turbolento rapporto della madre e di come ha appreso la notizia di essere diventata regina, si passa poi alla difficoltà di Vittoria di guidare il regno e dei suoi iniziali errori, dell'incontro e del grande aiuto di Lord Melbourne e della loro infatuazione, fino all'arrivo del principe Alberto, quello che diventerà suo marito.

Non vi nascondo che mi sono lasciata molto prendere sia dalla vicenda politica che da quella amorosa della regina: in un primo momento Vittoria sembra molto tentennate e agisce quasi come una ragazzina viziata, ma sotto la guida di Lord Melbourne riesce a prendere in mano in mano la situazione, la vicinanza tra i due diventa subito evidente e molto equivoca, soprattutto nei confronti di Vittoria che se inizialmente vede nel suo Primo Ministro la figura paterna che non ha mai avuto successivamente il suo affetto si trasforma il qualcosa di più, un qualcosa che però è destinato a finire ed è così che entra in scena Alberto (il mio cuore ha iniziato a palpitare) e nonostante le loro iniziali frecciatine fra i due nasce un'intesa che li porterà al matrimonio.

Leggendo questo libro ho avuto diverse reazioni: rabbia, sospiri e infiniti occhi a cuoricino.
Una storia che mi ha portato dentro la storia stessa, lasciandomi passeggiare tra le stanze di Buckingham Palace ed entrare dentro gli intrighi di corte, facendomi appassionare ancora di più per un'epoca e un paese che ogni volta mi affascina!

VOTO FINALE 
☆☆☆☆☆ su cinque

Piccolo approfondimento serie tvAndata in onda nel 2016 la miniserie tv Victoria è stata ideata e scritta da Daisy Goodwin e vede Jenna Coleman nei panni di Vittoria, Tom Hughes e Rufus Sewell che interpretano rispettivamente il principe Alberto e Lord Melbourne.
La serie tv che inizialmente doveva essere composta da una sola stagione è stata rinnovata per una seconda che (per la gioia della sottoscritta), verrà trasmessa nei prossimi mesi.
Al momento la serie in Italia è trasmessa sul canale laEFFE.


Spero che il mio amore per questo libro sia arrivato fino a voi!
Leggetelo!

Sempre con tanto amore,

martedì 13 giugno 2017

|Il fascino del gentiluomo| Fitzwilliam Darcy




OVVERO STORIA DI COME GRAZIA SI È PERDUTAMENTE INNAMORATA

Ero una ragazzetta di 16 anni con una certa passione per i vampiri sbrilluccicosi e i maghi con le cicatrici in fronte e poi è successo, è stato come un fulmine a ciel sereno, come un colpo di freccia scoccato al momento giusto: mi sono innamorata.
No, non sto parlando del mio primo amore o forse sì, in fondo il primo amore non si scorda mai e il mio cuore è ancora completamente e perdutamente innamorato di quello che è il mio primo amore letterario.
Sto parlando di Mr. Darcy, chi altri?


Voi già mi conoscete ogni occasione è buona per parlare del mio caro Darcy, e così quando Susy mi ha chiesto di partecipare a questo progetto così carino e di scegliere un gentiluomo fra i tanti proposti potevo no scegliere il mio caro Fitzwilliam?
Certo che no!
Neanche Susy è rimasta per nulla sorpresa, vero?
(Ancora grazie per avermi coinvolto ♥)

Ma vedete, io amo profondamente questo personaggio e non solo per i vari motivi che vi spiegherò più avanti, ma perchè grazie al libro che lo vede protagonista ho scoperto il mio amore per i classici, quindi si può parlare di amore nell'amore!

TANTO AMORE!


Darcy, Darcy, quanto t'amo mio caro Darcy?
Ma soprattutto perchè t'amo?

Semplice.
Avevo 16 anni e la fauna maschile che mi circondava era prevalentemente composta da idioti!
Più chiaro di così?!
Era ovvio che andassi a cercare un amore fatto di carta tra le pagine dei miei cari libri e non i nascondo che succede così anche adesso, ma questa è un'altra (e triste!) storia!

Il nostro (mio, mio, mio, solo mio!) Mr. Darcy nel corso degli anni ha catturato il cuore di molte fanciulle, ma qual è il suo segreto?

Senza dubbio il fascino del gentiluomo inglese è uno dei suoi punti di forza, il modo in cui si porge al gentil sesso. Il suo è un carattere schivo e molto orgoglioso, ma non per questo risulta offensivo, conoscendolo meglio, poi, Darcy viene compreso in pieno: la sua diffidenza nasconde una profonda timidezza e il suo è un carattere leale, sincero e anche coraggioso.
Tutto quello che fa per Elizabeth lo fa per l'amore che nutre per lei, anche se questo potrebbe metterlo in cattiva luce.
Darcy protegge se stesso da una corazza, ma sotto di essa c'è un profonda dolcezza!

A contribuire il fascino di Darcy abbiamo anche le sue versioni fatte in carne e ossa della mini serie tv e del film!
C'è chi si è innamorata di Mr. Darcy grazie a Colin Firth...


...e chi come me ha perso al testa per Matthew Macfadyen!


Negli anni credo che molti autori e autrici abbiano cercato di imitare la sua figura, come dimenticare Mark Darcy de Il diario di Bridget Jones?



Oppure i mille mila ragazzi seri e ombrosi dei più recenti Young Adult che, diciamocelo, ormai sembrano fatti con lo stampino!

NO, NO, NO, NO!

Di Mr. Darcy ce n'è uno solo ed è quello uscito dalla penna della cara Jane Austen, l'unico e il solo!

Perciò se ancora non conoscete Mr. Darcy e Orgoglio e pregiudizio correte a leggerlo! SUBITO!

Adesso io vi lascio!
Domani potete incontrare un altro gentiluomo della Austen: Frederick Wentworth, il Capitano di Persuasione, ce ne parlerà Veronica di Gli alberi da Libri!
Siete curiosi?



Con questo vi lascio!
Tanti Mr. Darcy per tutte!



lunedì 12 giugno 2017

#43 Cosa penso di...Madre del riso di Rani Manicka |Recesione|


Buongiorno miei cari. ♡
Oggi sono un tantino assonnata, forse dovrei dormire un po' di più! Vorrei proprio capire come fanno certe persone ad addormentarsi appena poggiano la testa sul cuscino, se lo sapete SPIEGATEMELO!
Io non riesco neanche con la camomilla...
...ma comunque, una nuova settimana è iniziata e io sono pronta con una nuova recensione, siete curiosi di saperne di più?

Madre del riso
di Rani Manicka 
Editore: Mondadori
Pagine: 475
Prezzo: 5,90 euro
SINOSSI
Ceylon, inizi del Novecento. Una giovane viene data in sposa a un uomo malese molto più vecchio di lei che per averla si finge ricchissimo. La ragazza è costretta a seguirlo in Malesia e scopre che l'uomo, tra l'altro bruttissimo, è solo un modesto impiegato e vive in povertà. Da quel momento sarà lei la vera "colonna" della famiglia, sia moralmente che economicamente. Malese, ma residente in Inghilterra, laureata in economia, Rani Manicka firma questa saga femminile ambientata nel cuore esotico della sua terra natale.


 

 "In questa casa la nostra Madre del riso è tua nonna. È lei che custodisce i sogni. Guarda bene e vedrai che siede sul suo trono di legno e tiene nelle mani forti tutte le nostre speranze e i sogni, garndi e piccoli, i tuoi e i miei.
Gli anni non la indeboliscono."

È molto difficile scrivere la recensione di questo libro e non vi nascondo che stavo pensando anche di non pubblicarla, ma alla fine eccomi qui.
Perchè questo libra racconta una storia molto intensa, una storia che inizia con un donna ragazzina e finisce con un'altra donna, le due nonostante facciano parte della stessa famiglia non potrebbero essere più diverse: la prima è Lakshmi e la seconda è Dimple, la sua pronipote.
Tutto ha inizio con Lakshmi che deve abbandonare la sua terra per un matrimonio alla giovane età di quattordici anni, questo la porta in Malesia dove avrà a che fare con una nuova lingua, nuovi posti e soprattutto una nuova vita. Lakshmi crescerà in fretta, il suo matrimonio si è rivelerà un inganno: si aspettava una vita fatta di lussi accanto un uomo che credeva ricco e potente e invece si ritroverà in un casetta di legno con un uomo che contrae debiti in continuazione, ma dall'animo dolce e buono, la ragazza però non si lascia intimorire dalle avversità  e troverà dentro di sè una forza e una caparbietà che l'accompagneranno durante tutta la sua vita.
Quello che risalta in questo libro è sicuramente il dolore che è presente in ogni pagina di questo libro, alcune volte in maniera un po' più lieve e altre molte in maniera così marcata che leggerlo era diventato quasi un'angoscia, ma nonostante questo Lakshmi lotta per la sua famiglia e per i suoi figli facendo di tutto per mettere loro di avere quello che lei ha perso, ma il dolore e la sofferenza è sempre lì dietro l'angolo. Alcune volte ha il volto della povertà, altre volte, le più crudeli, ha il volto degli invasori giapponesi.
La guerra arriva anche nel piccolo villaggio di Lakshmi e porta solo fame e morte, colpendo profondamente la sua famiglia e portandole via il suo gioiello più prezioso, ma questo sarà solo l'inizio.

La narrazione di questo libro segue diverse voci, tutte appartenenti a questa famiglia che ha fatto del dolore il suo compagno di vita. Il loro è un racconto che segue diversi anni e diverse generazioni portando alla luce diversi racconti e segreti, dove verremo a conoscenza dei loro punti di vista e tutti loro ci parleranno della figura portante della storia: la Madre del riso, Lakshmi.
Il suo è un carattere forte che è difficile non notare, tiene le redini di questa sua famiglia con forza e temperamento anche quando niente va per il verso giusto.
Non tutti i membri della sua famiglia, però, riescono a vederla per quella che è: c'è chi la vede come un ragno che attira nella sua ragnatele le sue vittime pronta fare di tutto per trarne dei profitti e devo dire che questi pareri mi hanno portato un po' fuori strada non facendomi ben capire la vera essenza di Lakshimi, ma dandomi un quadro completo della situazione che vede anche la presenza di legami famigliari che sono molto precari.

Non vi parlerò degli altri componenti di questa famiglia, ma sappiate che ognuno di loro ha molto da raccontare: i loro dolori, i loro amori e le difficoltà che hanno vissuto durante la loro vita ci lasciano un'ampia descrizione di quella che è stata un'epoca fatta di guerra e imposizione giapponese fino ad arrivare ad una certa pace.

Un libro con una storia intesa e commovente, fatta di superstizioni e tradizioni scritta in un modo che riesce a portare il lettore all'interno della storia, fino a sentirsi parte della famiglia e della cultura di Lakshmi così tanto che alla fine se ne sente quasi nostalgia.

VOTO FINALE
☆☆☆☆ e mezzo


Spero di avervi incuriosito!
Questo è un libro che mi ha davvero colpito per la sua intensità.

Sempre con tanto amore,

giovedì 8 giugno 2017

La spacciatrice segnala...I cavalieri dell'Apocalisse di Aldo Parisi

Ormai il mio torcicollo non mi vuole abbandonare!
Ah, beata gioventù!
...
....
Passiamo alla segnalazione di oggi che è meglio!



I cavalieri dell'Apocalisse 
di Aldo Parisi
Editore: Youcanprint
Pagine: 214
Prezzo: 13,60 euro (cartaceo), 1,99 euro (ebook)
Link d'acquisto: Mondadori, Kobo 
Sito libro
SINOSSI
La Nuova Era è giunta. 
Non è rimasto più niente della società che conoscevano. Loro sono ovunque, sono assetati di sangue e la notte è divenuta il loro impero. Una città cerca di resistere alla loro Apocalisse, ma lo scontro tra il sindaco e un ex deputato, Simone Allegretti, renderà la sopravvivenza ancora più complicata. E lo scenario si complicherà ulteriormente a causa del terribile segreto che Allegretti si porta dentro. C'è qualcuno di più pericoloso dei vampiri. 
I Cavalieri dell'Apocalisse stanno arrivando. 
Il romanzo è stato finalista al Premio Nazionale Streghe, Vampiri & Co. 2016


Cosa ne pensate?
Ha attirato la vostra attenzione?