lunedì 27 marzo 2017

#18 Cosa penso di...L'uomo che inseguiva i desideri di Phaedra Patrick |Recensione|

Buon inizio di settimana biblofili!
Come vi ho accennato nel post di ieri da oggi  sarò più attiva qui sul blog e nella blogosfera, la settimana appena passata è stata un po' pensantuccia e con qualche nuvola di troppo, ma fortunatamente il cielo si sta pian piano schiarendo...
Ma passiamo alla recensione di oggi! Siete pronti?



L'uomo che inseguiva i desideri
di Phaedra Patrick
Editore: Garzanti
Pagine: 288
Prezzo: 16,90 euro
SINOSSI
Da un anno, ogni mattina, Arthur Pepper si sveglia alle sette e compie con esattezza gli stessi gesti. Si veste seguendo un ordine preciso, mangia una fetta di pane tostato, poi alle otto e mezzo si mette a sistemare il giardino. Questo è l'unico modo per superare il dolore per la perdita dell'amata moglie, Miriam, dopo tutta una vita passata insieme. Solo così gli sembra di poter fingere che lei sia ancora con lui. Ma il giorno del primo anniversario della sua scomparsa, Arthur prende coraggio e decide di riordinare gli oggetti di Miriam. Nascosta tra gli stivali, vede improvvisamente una scatolina. Dentro c'è un braccialetto con dei ciondoli: sono a forma di tigre, fiore, elefante, libro e altri piccoli oggetti. L'uomo sulle prime è perplesso; la moglie non indossava gioielli. Ma poi guarda con più attenzione e si accorge che su un ciondolo è inciso un numero di telefono, che Arthur non può fare a meno di chiamare subito. È l'inizio della ricerca e delle sorprese. Seguendo i ciondoli Arthur compie un viaggio che lo porta su un'assolata spiaggia di Goa che ha visto la donna giocare con un bambino indiano, a Londra da un famoso scrittore, in un'accademia d'arte dove è custodito un ritratto di Miriam da giovane, a Parigi in una raffinata boutique, in un castello della campagna inglese dove incontra una tigre, e in tanti altri luoghi che non aveva mai visitato. Un viaggio che gli fa scoprire una Miriam sconosciuta, ma che ha ancora tanto da insegnargli. E gli ricorda che l'amore è sorprendersi ogni giorno, per tutta la vita e anche oltre.

Ci sono libri che si leggono in un battito di ciglia e che ti lasciano con una sorta di felicità sulle spalle, questo è uno di quei libri e credo che mi sia capitato di leggerlo quando più ne avevo bisogno, è proprio vero che i libri arrivano sempre al momento giusto quasi fossero dei salvagente!
Ma i libri non sono i soli oggetti che vengono fuori al momento giusto e questo il protagonista della storia di cui vi parlerò lo sa bene. Sto parlando di Arthur Pepper un vecchietto (che forse tanto vecchio non è) che vive le sue giornate in una routine consolidata che non vuole spezzare: si alza sempre alla stessa ora, si veste sempre con gli stessi vestiti, mangia sempre le stesse cose e per tutto il giorno fa quello che ha fatto il giorno precedente, tutto questo lo fa stare bene e non gli da modo di pensare ad un vuoto che gli logora il cuore, un vuoto creato dall'assenza della moglie morta all'improvviso, ma che continua a vivere in quella casa che hanno condiviso per tanti anni.
Per Arthur il tempo si è fermato, la moglie era il suo tutto e adesso neanche la presenza (o assenza in un caso) dei suoi due figli gli da la forza di andare avanti, non riesce a voltare pagina, ma un giorno mentre cerca di svuotare l'armadio della moglie trova un oggetto che gli farà crollare tutte le certezze su cui aveva costruito la sua vita famigliare: un braccialetto con dei ciondoli. Per Arthur questo braccialetto non significa niente, non l'ha mai visto addosso alla moglie e sta quasi per darlo via, ma un sesto senso o qualcosa di più lo spingono a indagare oltre e parte così per un viaggio che lo porterà a conoscere non solo la moglie, ma soprattutto se stesso, perchè non si è mai troppo vecchi per imparare qualcosa in più di sè.
Londra e Parigi saranno le mete principali di questo viaggio, ma non le sole, e Arthur si ritroverà a vivere avventure che mai si sarebbe aspettato, in fondo lui non è mai andato più in là del suo paesino e alla fine si ritroverà ad avere a che fare con tigri, artisti e personaggi un po' strani e mano a mano conoscerà stralci della vita della moglie prima del loro matrimonio e ne sarà completamente sorpreso e cosa più importante lo farà dubitare dell'amore che la moglie provava per lui, ma questi dubbi saranno fondati? Perchè la moglie gli ha tenuto segreta una parte della propria vita?
Chissà!
Io ovviamente lo so, ma se voi volete scoprirlo dovete leggere questo bel libricino (muahahahah) che racchiude in se non solo la storia di Arthur, ma anche tante altre che non saranno per niente banali e che scopriremo pagina dopo pagina.

Sicuramente all'inizio il nostro Arthur potrà sembrarvi un po' scontroso e scorbutico, ma non fermatevi alle apparenze perchè in fondo è un uomo a cui è stata tolto il suo amore, ma non temete alla fine vi affezionerete e scoprirete che si può sempre rinascere anche in modi che non ci aspettiamo. 
Ecco, questo è un romanzo che parla di una rinascita, un storia dolce piena di tanto amore scritta in maniera da catturare ogni lettore!
Ve lo consiglio?
Certo che sì!

VOTO FINALE
☆☆☆☆ e mezzo su 5


Come sempre aspetto i vostri commenti!
Sempre con tanto amore,


domenica 26 marzo 2017

#14 Pezzi di poesia

Buona domenica miei cari ♡
La mia presenza qui sul blog sta un po' latitando, ma se tutto va bene questa settimana sarò nuovamente attiva e pimpante! Fortunatamente il tempo per leggere non mi è mancate e presto avrete qualche nuova recensione! 


Oggi ho deciso di rispolverare una rubrica che ripesco di tanto in tanto e che forse non sarà molto seguita, ma mi piace avere un pizzico di poesia in questo angolino e perciò date il benvenuto alla poesia di questa domenica!





Vorrei sedermi vicino a te in silenzio,
ma non ne ho il coraggio: temo che 

il mio cuore mi salga alle labbra. 
Ecco perché parlo stupidamente e nascondo 
il mio cuore dietro le parole. 
Tratto crudelmente il mio dolore per paura 
che tu faccia lo stesso.

|Federico Garcia Lorca

martedì 21 marzo 2017

|Review party!| L'universo nei tuoi occhi di Jennifer Niven |Recensione in anteprima|

Oggi ho il piacere di parlavi in anteprima di un libro che conquisterà il cuore di molti di voi, siete curiosi di conoscerne di più attraverso questo Review party?

E non sono sola, infatti insieme me ci sono:

Jessica di Loving books
Rosalba di La Rapunzel dei libri
Giusy di Divoratori di libri



L'universo nei tuoi occhi 
di Jennifer Niven
Editore: DeAgostini
Pagine: 416
Prezzo: 14,90 euro
SINOSSI
Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d'ordine di Jack Masselin, sedici anni e un segreto ben custodito. Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell'impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell'universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per farsi accettare dai suoi compagni. Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, un gioco che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due tipi più diversi di loro. Eppure... più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.


Se penso ancora a Raccontami di un giorno perfetto mi viene da piangere, quel libro mi ha segnato profondamente con la sua storia e al solo pensiero soffro ancora, perciò prima di leggere questo qui mi sono preparata mentalmente; leggendo la trama si capisce che questo è uno di quei libri che tratta un tema molto delicato e di cui oggi si parla (purtroppo) sempre più spesso: il bullismo. Ormai non passa giorno che non si senta parlare di qualche notizia che tratti questo tema e ogni volta mi sembra che vada sempre peggio e chissà pian piano dove andremo a finire.
In questo libro la Niven da voce a due ragazzi all'apparenza molto diversi, ma che hanno davvero tanto in comune, parlo di Libby e Jack.
Libby non saprei come definirla, lei è semplicemente fantastica! Alle sue spalle ha un passato parecchio difficile e di sicuro anche il suo presente non è rose e fiori, essere definita "La più grassa ragazza d'America" non è piacevole, soprattutto se questa etichetta te la porti addosso anche quando non lo sei più ed è questa a cosa brutta di quelle odiose etichette che la gente di affibbia sono difficili da eliminare, ma a Libby questo non importa: affronta il mondo con tutto il coraggio che ha dentro e cammina a testa alta, anche se le parole e le risatine continuano a perseguitarla nei corridoi della scuola e le fanno male lei non si perde d'animo, perchè lei si piace così com'è, perchè per troppo tempo ha passato la sua vita rinchiusa in quattro mura, adesso vuole vivere e nessuno glielo potrà impedire!
Jack invece è stato il mio punto interrogativo per tutto il libro semplicemente perchè è molto difficile mettersi nei suoi panni, soffre di un disturbo neurologioco chiamato prosopagnosia che non gli permettere di riconoscere chi ha intorno, anche i membri della sua famiglia sono degli estranei per lui e per far fronte a questo problema ha adottato dei piccoli stratagemmi, come ricordare delle caratteristiche particolari per ogni persona: capelli, nei o atteggiamenti, purtroppo però non sempre riesce ad indovinare e in questi casi  Jack deve far buon viso a cattivo gioco e usare il suo carisma per nascondere il suo segreto. L'incontro tra i due ragazzi avviene in maniera strana, il tutto nasce da un gioco abbastanza sciocco, così tanto da sembrare quasi crudele, ma ben presto il loro rapporto prende una piega del tutto diversa, i due hanno vissuto buona parte della loro vita con un peso addosso, un peso grande quanto tutto l'universo, fatto di segreti, paure ed un continuo nascondersi e così pian, piano Libby e Jack diventano confidenti, amici e forse qualcosa di più che forse io avrei evitato, ma si sa le storie d'amore fanno sempre più colpo di una 'semplice' storia d'amicizia.
Devo ammettere che più leggevo il libro più cresceva in me una sorta di inquietudine, temevo che sarebbe successo qualcosa di irreparabile o catastrofico, fortunatamente non è successo nulla e non intendo solo per i due personaggi, ma anche ai fini della storia se ci fosse stata un'ulteriore svolta drammatica non l'avrei apprezzato alla stessa maniera.
Per concludere posso dirvi che è un libro che merita di essere letto per il tema che viene trattato, ma soprattutto per l'energia di Libby! Lei è decisamente un 'pugno in faccia' a tutti gli stupidi comportamenti di altrettanto stupidi bulli!

VOTO FINALE 
☆☆☆☆

CONFRONTO COVER!

Vorrei parlavi della copertina! Sapete che ho una leggera fissazione per il lato estetico dei libri e allora eccovi qui la copertina originale e quella che è arrivata qui da noi. Molto sinceramente vi dico che ho una certa preferenza per quella originale e anche per il titolo che trovo un tantino più attinente alla storia, invece quella italiana riprende lo stile del precedente libro della Niven arrivato nel nostro paese, Raccontami di un giorno perfetto.

 



Voi quale preferite? E cosa ne pensate del libro?
Coraggio i commenti non mordono mica!



sabato 18 marzo 2017

La spacciatrice segnala...Voglio solo te di Susy Tomasiello

Buon Sabato stelle del cielo!☆
In questa soleggiata mattina ripartono le segnalazioni qui sul blog, siete curiosi di conoscere un nuovo libro?







Voglio solo te 
di Susy Tomasiello
Editore: La Sirena edizioni
Pagine: 250
Prezzo: 2,99 euro
Link d'acquisto: Amazon
SINOSSI
Samantha è bella, ricca e appartiene a una famiglia potente. Dylan è un ragazzo solare, ha un cuore d’oro e una gran forza d’animo. Il loro sembra un amore da favola, ma nella loro favola sembra non essere previsto un lieto fine. E lei lo abbandona. Dopo quattro anni però Samantha bussa alla sua porta e tutte le convinzioni di Dylan svaniscono perché lei torna con una bambina che giura essere anche sua figlia. Anche per lei non è facile. Nasconde un grande segreto dietro la sua scelta di lasciare Dylan ed è convinta di meritare tutto il suo risentimento, ma non può fare a meno di sperare che la presenza della piccola Mary addolcisca l’uomo e lo renda più disponibile nei loro confronti. Perché lui è l’unico che possa salvarle.


Allora, cosa ne pensate?
Spero che vi abbia incuriosito!