mercoledì 13 novembre 2019

|Recensione| L'amico immaginario di Stephen Chbosky

TAAAAAADAAAAAN!
Eccomi qui con una nuova recensione!
Mi avete tanto chiesto su Instagram di questo libro ed eccovi accontentati!
Ci saranno tante cose da dire quindi non cincischio oltre e iniziamo!

Ma prima un grazie alla Sperling & Kupfer per la copia del libro!

L'amico immaginario 
di Stephen Chbosky
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 640
Prezzo: 1,90
Mill Grove è una tranquilla e isolata cittadina della Pennsylvania: solo una strada per arrivare, solo una per andarsene. A Kate Reese sembra il luogo ideale per fuggire da un compagno violento, far perdere le proprie tracce e ricominciare una nuova vita. Lo deve al suo bambino, Christopher, che ha solo sette anni ma sa già quanto il mondo dei grandi possa far male. In quella nuova casa, tutto sembra andare a meraviglia: Christopher incontra nuovi amici, Kate trova un nuovo lavoro. Ma poi, all'improvviso, Christopher scompare. Per sei lunghissimi giorni, nessuna traccia di lui. Finché, una notte, il bambino riemerge dal bosco di Mission Street, al limitare della piccola città. È illeso, ma profondamente cambiato. Nessuno sembra accorgersene; solo sua madre sospetta qualcosa, perché Christopher, che ha sempre faticato a scuola, di punto in bianco prende ottimi voti ed è un vorace lettore. Ma nemmeno lei può immaginare tutta la verità. Christopher ora sente una voce in testa, e vede cose che agli altri sono impercettibili. Conosce i segreti del passato, inghiottiti dal bosco di Mission Street; quelli del presente, celati dietro le facciate rispettabili della città. Conosce il futuro tragico che sta per abbattersi su tutti loro. Non può parlarne a nessuno, nemmeno a sua madre, o lo prenderebbero per pazzo. Ma può e deve compiere la missione che quella voce amica gli detta: costruire una casa nel bosco, prima che arrivi Natale. Altrimenti, per sua madre, i suoi amici e l'intera città, sarà la fine. Dopo "Noi siamo infinito", Stephen Chbosky torna con un romanzo da brivido in cui il delicato passaggio dall'infanzia all'età adulta si compie attraverso una battaglia epica tra bene e male. Una storia in cui gli eroi sono coloro che non temono di abbandonarsi al potere dell'immaginazione.

venerdì 8 novembre 2019

|Review Party| Il regno corrotto di Leigh Bardugo |Recensione delirante|

Nello scrivere questa recensione il mio cuore è spezzato.
SONO IN UNA VALLE DI LACRIME.
Voglio chiudermi a riccio e non parlare con nessuno.
O forse sarebbe meglio urlare?
Vabbè, iniziamo va'!
Ringrazio Francy per aver organizzato l'evento, Rosalba per la creazione del banner e la Mondadori per la copia digitale del libro (pure per quella cartacea, se mai arriverà).

Il regno corrotto
di Leigh Bardugo
Serie: Six of Crows #2
Editore: Mondadori
Pagine: 480
Prezzo: 19,00
Jesper non smetteva un attimo di tamburellare le dita sulle cosce. «Qualcuno ha per caso notato che l'intera città ci cerca, ce l'ha con noi o vuole farci fuori?» «E allora?» disse Kaz. «Be', di solito è solo metà della città.» Kaz Brekker e la sua banda di disperati hanno appena portato a termine una missione dalla quale sembrava impossibile tornare sani e salvi. Ne avevano dubitato persino loro, a dirla proprio tutta. Ma rientrati a Ketterdam, non hanno il tempo di annoiarsi nemmeno un istante perché sono costretti a rimettere di nuovo tutto in discussione, e a giocarsi ogni cosa, vita compresa. Questa volta, però, traditi e indeboliti, dovranno prendere parte a una vera e propria guerra per le buie e tortuose strade della città contro un nemico potente, insidioso e dalle tante facce. A Ketterdam, infatti, si sono radunate vecchie e nuove conoscenze di Kaz e dei suoi, pronte a sfidare l'abilità di Manisporche e la lealtà dei compagni. Ma se i sei fuorilegge hanno una certezza è questa: dopo tutte le fughe rocambolesche, gli scampati pericoli, le sofferenze e le inevitabili batoste che hanno dovuto affrontare insieme, troveranno comunque il modo di rimanere in piedi. E forse di vincerla, in qualche modo, questa guerra, grazie alle rivoltelle di Jesper, al cervellone di Kaz, alla verve di Nina, all'abilità di Inej, al genio di Wylan e alla forza di Matthias. Una guerra che per loro significa una possibilità di vendetta e redenzione e che sarà decisiva per il destino del mondo Grisha.

mercoledì 6 novembre 2019

|Recensione| La verità è che non ti odio abbastanza di Felicia Kingsley

BUONGIORNISSIMO!
Oggi su questi schermi la recensione del nuovo romanzo di Felicia Kingsley, autrice che con calma e pazienza sta facendo uscire il lato rosa che è in me (era andato in letargo). Questo è il suo secondo libro che leggo in meno di un mese e a dirla tutta questo me lo ha proposto proprio lei (tanto coraggio!).

Colgo l'occasione per ringraziare Felicia per avermi omaggiato del libro e di tutte le cose carine che erano presenti nella box che mi ha inviato.
GLI ORSETTI GOMMOSI SONO STATI QUASI VITTIMA DI UN RAPIMENTO!
E adesso via con la recensione!

La verità è che non ti odio abbastanza 
di Felicia Kingsley
Editore: Newton Compton
Pagine: 416
Prezzo: 10,00
Lexi è una principessa, non delle favole, ma dell’Upper East Side. La sua vita perfetta da facoltosa ereditiera di un impero finanziario scorre tra feste esclusive e shopping sfrenato nel quartiere più lussuoso di New York. A ventisette anni ha già la certezza di un futuro luminoso, di aver vinto la partita, almeno finché un affascinante sconosciuto non le cambia le carte. Il principe azzurro? No, è Eric Chambers, detective di punta dell’FBI, che sta indagando su una truffa miliardaria in cui è coinvolta la famiglia Sloan, venuto a spodestarla dal suo trono. Tanto attraente quanto ruvido e poco disponibile, Eric la reputa viziata e superficiale, e la tratta con distacco e indifferenza. Tra i due è subito guerra. Con tutti i suoi beni confiscati, Lexi si ritrova in mezzo a una strada da un giorno all’altro, ma lei non ha nessuna intenzione di rimanerci. Anzi! Se Eric le ha tolto tutto, dovrà essere lui ad aiutarla e Lexi non accetterà un no come risposta, almeno finché non sarà riuscita a riabilitare il nome della sua famiglia, anche perché lei sarebbe una preziosa risorsa per le indagini. Riusciranno l’ereditiera che cuoce i toast usando il ferro da stiro e l’integerrimo detective di Brooklyn a collaborare senza scannarsi? O senza… innamorarsi?

lunedì 4 novembre 2019

Ricapitoliamo Ottobre

Bene, dopo una serie di giorni che sono sembrati domeniche su domeniche credo che questa sia la canzone di più adatta. Non so voi, ma mi mette una carica pazzesca.
ADESSO LA CANTICCHIERÒ PER TUTTA LA GIORNATA E OLTRE.

Come avete passato questo ponte?
Letto qualcosa di interessante?

Volete sapere, invece, cosa ho letto durante il mese di ottobre?
E SE NON LO SAPETE SIGNIFICA CHE NON SEGUITE IL BLOG, MALISSIMO!!

martedì 29 ottobre 2019

Blogtour: Storie da brividi - La ragazza in vetrina di Tonya Hurley

Benvenuti ad un'altra  recensione da bbbbbrrrrivido!
Oggi ospito la tappa di un Blogtour che ha come protagonista una raccolta di racconti curata da Stine.
Chi è Stine? Non conoscete I Piccoli Brividi?
Se la risposta è no: ma che infanzia mite avete passato!
Se la risposta è sì: batti cinque! Io ancora sogno la bambola parlante!

Per ogni tappa del BT ogni blogger vi parlerà di un racconto è fino ad oggi direi che vi abbiamo accompagnato per tutto il mese, oggi tocca a me e il racconto di cui vi parlo è La ragazza in vetrina di Tonya Hurley.

Un grazie a Giusy di Divoratori di libri che ha organizzato l'evento (e ha creato i bei banner) e un grazie alla Mondadori che ci ha fornito della copia digitale per dare il via alle danze.



Storie da brividi
a cura di R.L.Stine
Editore: Mondadori
Pagine: 396
Prezzo: 18,00
Vi piace quel brivido di terrore che vi corre lungo la schiena quando leggete un libro? Quella tensione che irrigidisce ogni singolo muscolo del vostro corpo e vi toglie il respiro? Allora siete nel posto giusto.

lunedì 28 ottobre 2019

|Recensione| Frankenstein di Mary Shelley

Con questo lunedì inizia la settimana da bbbbbbbbrrrrrivido!
Pronti per Halloween?
Per me questa ricorrenza significa guardare film e leggere libri a tema, niente di più e niente di meno. La mia tradizione è questa, non andare in giro travestiti...poi adesso come minimo mi becco pagliacci a ogni angolo.
AIUTO. AIUTO. AIUTO.
Comunque, inizio con Frankenstein un classico della narrativa horror che ancora mi mancava e sono stata completamente sorpresa.

Frankenstein
di Mary Shelley
Editore: Rizzoli (Bur)
Pagine: 258
Prezzo: 16,00
Opera fondamentale per lo sviluppo del genere horror e di quello fantascientifico, la storia del giovane Frankenstein che riesce a dar vita a una "creatura" assemblata con parti di cadaveri colpisce ancora oggi per l'attualità delle questioni affrontate, dalla sfida dell'uomo ai limiti posti dalla natura al desiderio di poter sfuggire alla morte. In questa edizione di pregio, il mondo perturbante del romanzo trova perfetta rappresentazione nelle visioni di Lynd Ward, tra i fondatori della graphic novel statunitense, definito dallo stesso Art Spiegelman "uno dei più eminenti e completi artisti americani".

LA MIA EDIZIONE NON È PIÙ IN COMMERCIO, MA QUESTA QUI HA LA STESSA TRADUZIONE ED  È ANCHE ILLUSTRATA ED È FIGHISSIMA.