martedì 12 febbraio 2019

|Questa volta leggo...| Il problema è che ti amo di Jennifer L.Armentrout |Recensione|

*annusa l'aria*
Ma lo sentite? Un certo odore di qualcosa di dolce, zuccheroso! Vedo anche alcune tracce di cuoricini...
AH! ECCO! Ho capito!
È SAN VALENTINO CHE SI AVVICINA!
Emh, sì. Non sono proprio romanticissima, vero? Ma che ci posso fare se le cose troppo zuccherose mi danno la nausea? 
Viva l'amore, vero verissimo, ma se diventa una roba da "pucci pu, fru fru, ti amo più io di quanto mi ami tu"...APRITI CIELO E PORTATEMI VIA!
E pensate un po' di quale libro vi parlo oggi?
*rullo di tamburi*
Un romance! E per questo si ringrazia la rubrica "Questa volta leggo..."
Questa volta leggo..., un appuntamento mensile che vi accompagnerà giorno dopo giorno nei blog che vi partecipano con dei le recensioni di libri collegati da un argomento comune, bella idea è?
Ringraziate le menti geniali di Chiara di La lettrice sulle nuvole, Dolci di Le mie ossessioni librose 
Il problema è che ti amo 
di Jennifer L.Armentrout
Editore: Nord
Pagine: 440
Prezzo: 16,90
Link d'acquisto: Amazon DA GIORNO 14 IN USCITA LA VERSIONE ECONOMICA A 9,00 EUR
Da quattro anni, il silenzio è lo scudo che la protegge dal resto del mondo. Circondata dall'affetto dei nuovi genitori adottivi, Mallory Dodge ha cercato di superare i traumi del passato, di convincersi di non avere più bisogno di essere invisibile, ma le cicatrici dell'anima bruciano ancora e non le permettono di dimenticare. Ecco perché dover frequentare l'ultimo anno di liceo in una scuola pubblica, dove sarà costretta a uscire dal guscio, la terrorizza. Tuttavia è proprio a scuola che accade l'inaspettato: tra i suoi nuovi compagni c'è Rider Stark, l'unico raggio di sole nella sua infanzia da incubo, il ragazzo che in più di un'occasione l'ha protetta dalla violenza del padre affidatario. Rider però è cambiato: ha un atteggiamento arrogante, una pessima reputazione e pare che sia invischiato in una rete di cattive compagnie. Anche se, dietro quella maschera da sbruffone, Mallory riconosce ancora il suo eroe d'un tempo... un eroe per di più molto affascinante. Eppure gli anni trascorsi lontano da Mallory hanno segnato profondamente Rider, che ben presto si troverà davvero nei guai. E Mallory sarà la sola a poter fare la differenza. Ma riuscirà a far sentire la propria voce e a battersi per il ragazzo che ama, o la paura la farà tacere per sempre?
Non fate quella faccia sbalordita. Chiudete la bocca!
NON GUARDATEMI COSÌ!
Lo so benissimo che non leggo romance puri da molto molto molto molto molto tempo e per romance puri intento libri che hanno come fulcro la storia d'amore e nient'altro.
Il problema è che ti amo è uno di quei romance e per di più può anche essere considerato uno YA (chiudete la bocca, vi ho detto!), ma con un piccolo "ma": non c'è solo la storia d'amore tra i due personaggi, ma è presente qualcosa di più.
Quella tra Mallory e Rider nasconde pure un percorso di crescita.

Leggendo già le prime pagine di questo libro si capisce bene che la vita di Mallory non è stata semplice, la sua infanzia è stata scenario di violenza e paura e tutto questo l'ha portata a chiudersi in se stessa. Crescere in una famiglia affidataria,  dove anche solo respirare poteva essere una buona scusa per essere puniti, ha fatto sì che la sua voce si spegnesse quasi del tutto
Stare in silenzio era l'unica cosa che le permettesse di restare in vita insieme alla presenza di Rider, un ragazzino in affido come lei che l'ha sempre protetta anche a costo di esser ferito lui stesso, fino a quando i due vengono separati e iniziano una nuova vita.
Il destino, però, ha in serbo per loro molto altro e soprattutto li vede uniti.
Tutto inizia quando Mallory, abbandonati gli studi da privatista, decide di iniziare la scuola pubblica per far fronte al suo problema con le parole che non le vogliono uscire dalla bocca ed è lì che incontra Rider e niente sembra essere cambiato o quasi...

E ADESSO IO VORREI DIRE UNA COSA!
Nella trama Rider viene definito "arrogante" e "sbruffone", ma dove? Ma quando? 
Rider è un cuccioletto molto tenero che è dovuto crescere in un ambiente molto difficile, leggendo la trama mi aspettavo tutt'altro tipo di personaggio e invece mi so dovuta ricredere e alla grande!
Certo, agli occhi di Mallory il nostro Rider a prima vista è una sola cosa: muscoloso. Davvero, non so quante volte abbia ripetuto questa parola per descriverlo, per non parlare dei muscoli del ragazzo sempre in movimento, come quello della guancia e se non ricordo male anche quello del piede. 
Ha un ottima conoscenza delle parti del corpo, la ragazza.
VOTO IN ANATOMIA 10!
Ovviamente la storia tra i due ha molti clichè: Mallory non pensa di essere bellissima, Rider è ovviamente bellissimo e fighissimo, tra i due c'è una stronza (si può dire stronza sul blog?) di decimo livello e tragedie di vario tipo (queste ultime non mi hanno disturbato a dire il vero, ma ne parliamo tra un po'), ma a questi ormai sono abituata, sono prevedibili e so che quasi certamente ci saranno, anche se spero di non trovarmeli tra i piedi ogni volta e questo è uno di quei motivi per cui leggo pochi libri di questo genere.
Però adesso vi parlo delle piccole cose che hanno fatto sì che questa storia diventasse un tantino più interessante rispetto alle altre. Piccole cose che riguardano il backgraund dei due ragazzi, i momenti dell'infanzia che hanno passato insieme, la difficoltà nel linguaggio di Mallory e la vita che Rider adesso conduce, una vita fatta di bande e di conti da regolare, tutte cose che hanno risvegliato la mia curiosità e ho apprezzato molto il percorso della ragazza per uscire dal suo "blocco", ma ho trovato il resto trattato in maniera un po' superficiale.
Non sono riuscita ad entrare completamente nella storia, anche per quanto i riguarda i sentimenti dei due, mi sono sentita poco coinvolta.
Ho sentito un senso di incompiutezza, soprattutto a fine lettura, come se non fosse detto tutto.
Siamo sicuri non ci sia un seguito da qualche parte???

Primo libro della Armentrout che leggo e come inizio è stato molto tiepido, a dire la verità non so se ne leggerò altri suoi, lo stile non mi ha fatto impazzire completamente.
Sicuramente è una storia che non dispiace, ma avrebbe potuto dare molto di più.

VOTO FINALE
 ★★★ su cinque

Bene, poteva andare molto peggio non mi lamento neanche un po'!
Non mi resta che lasciarvi il calendario con le prossime tappe della rubrica, domani tocca a Deborah la nostra Scheggia tra le pagine, di quale libro ci parlerà?


Sempre con tanto ammmmmmore,

26 commenti:

  1. bhe effettivamente poteva anche andar peggio visto che alla fine hai dato 3 stelle :D
    da come eri partita credevo con non arrivassi a 1 ahahahahah
    io invece sono molto felice della scelta del tema di questo mese (ma anche del prossimo in realtà) perché adoro i romance e ho solo l'imbarazzo della scelta.
    passando alla armentrout con lei ho un rapporto altalenante, alcuni libri mi piacciono, altri meno, ad esempio la serie lux tanto decantata dopo il primo volume per me no! questo mi manca, ma al momento non so se lo leggerò visti i mille arretrati! chissà ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che la parte romance non mi ha dato particolarmente fastidio, ma il libro non mi ha colpito molto

      Elimina
  2. questo mi manca! Di questa autrice ho letto tanto ma questo titolo l'ho accantonato e non so bene neanche il perché, forse proprio per l'età dei protagonisti. Amo la narrativa per ragazzi ma quando non è solo incentrata sull'amore. Credo che aspetterà ancora lì da bravo

    RispondiElimina
  3. Ottima recensione e buona idea partecipare a questa rubrica

    RispondiElimina
  4. Fiuuuuu, posso passare anche questo. Non mi piace l'autrice e nemmeno il genere!

    RispondiElimina
  5. Ho letto questo libro un paio di anni fa e... vuoto totale! Mi è piaciuta la tua recensione e magari darò un'altra possibilità a questa storia.

    RispondiElimina
  6. Ed ecco perché non amo leggere le trame dei libri...Comunque lo leggerò anche per farmi una mia idea! ;)

    RispondiElimina
  7. A me era piaciuto tanto, ma sono di parte: adoro la Armentrout

    RispondiElimina
  8. Io sento sempre parlare di questa autrice, ma ho appena iniziato un suo romanzo. Non so ancora se mi piace, come stile. Magari in futuro leggerò anche questo.

    RispondiElimina
  9. Sono d’accordo con te con il genere romance e anche io ho fatto fatica questo mese. Sono contenta che tu abbia trovato uno di questi libri non troppo cuoricini ahahahahah!

    RispondiElimina
  10. Dell'autrice ho letto solo un libro però non ho un buon rapporto con gli YA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non leggo molti YA, questo non è uno di quelli brutti brutti però!

      Elimina
  11. Io adoro quest'autrice quindi ricordo benissimo questa storia ma sono di parte mi è piaciuta molto

    RispondiElimina
  12. Anche no, se non ti ha colpita particolarmente. Un saluto da Lea

    RispondiElimina
  13. Ciao Grazia! Non passo dal tuo blog da tantissimo, sono stata assente dalla blogosfera per un po' e solo ora sono tornata a spulciare tra i vari blog che seguo =)
    Passando invece a questo libro devo dire che io l'ho apprezzato molto per le difficoltà che i protagonisti hanno dovuto affrontare e loro due insieme sono dolcissimo!

    RispondiElimina
  14. Questo mi è piaciuto, non ai livelli della serie che scrive sotto lo pseudonimo di J.Lynn

    RispondiElimina

I vostri commenti mi rendono felice!
Lasciatene uno, vi risponderò con piacere. ♥