venerdì 9 febbraio 2018

|Questa volta leggo...| Ti amo per caso di Brittany C.Cherry |Recensione|

Con questo post arriva il mio turno per la partecipazione di Questa volta leggo...un piccolo progetto nato dalle menti geniale di Chiara di La lettrice sulle nuvole e Laura La Libridinosa. Ogni mese delle blogger molto serie (io sono seria??) e puntuali vi terranno compagnia con delle recensioni! Questo mese tocca leggere e recensire un libro ricevuto a Natale, per scoprire gli altri blog dovrete arrivare alla fine della recensione e allora diamo inizio alle danze!



Ti amo per caso 
di Brittany C.Cherry
Serie: Elements Series #1
Editore: Newton Compton
Pagine: 317
Prezzo: 9,99 euro
Hai presente quello spazio che c’è tra un incubo e un bellissimo sogno? Quando il domani non arriva mai e il passato non fa più male? Sì, proprio dove il mio cuore batte allo stesso identico ritmo del tuo, il tempo non esiste ed è facile respirare? È lì che voglio vivere con te».
Mi avevano messa in guardia su Tristan Cole.
«Stai lontana da lui», mi diceva la gente. «È crudele». «È freddo».
È semplice giudicare un uomo dal suo passato. Troppo facile guardare Tristan e vedere un mostro. Ma io non potevo farlo. Ho riconosciuto il male che si portava dentro, perché era simile a quello che viveva in me. Eravamo due persone svuotate. Entrambi alla ricerca di qualcosa di diverso. E insieme abbiamo deciso di provare a riunire i frammenti del nostro passato. Poi, forse, avremmo potuto finalmente ricordarci di respirare…

UNPOPOLAR OPINION
tra
3
...
2
...
1
...

Non leggevo un romance 'puro' da un molto tempo e leggendo questo ho ricordato il perchè: sono davvero pochi quelli che riescono a colpirmi dritti al cuore. Spinta da un'estrema voglia di riprovarci (o farmi male?) ho preso questo libro in mano e ho iniziato a leggere e devo dire che mi stava pure piacendo un bel po' e poi è successo: i due protagonisti sono impazziti e io con loro.
Lasciate che vi spieghi.

Elizabeth e Tristan sono due persone completamente a pezzi, la loro vita è stata annullata dalla perdita delle persone che più al mondo amavano, un marito, una moglie e un figlio. 
Nulla ha più senso.
La loro anima è distrutta in tanti piccoli pezzi.
Il loro incontro non sarà un'inizio perfetto, il loro dolore sembra respingerli come due calamite, ma poco a poco quello stesso dolore lì unirà perchè e l'uno lo specchio dell'altro.
Peccato però che il passato non da tregua a Tristan ed Elizabeth, ogni ricordo sia piccolo che grande fa li sconvolge.
Non dimenticano. Non riescono a dimenticare.
E per far fronte a questo prendono una decisione che mi è piaciuta davvero poco: Elizabeth e Tristan decidono di 'usarsi' a vicenda, cercano di sostituire la loro perdita.
Quando Elizabeth bacia Tristan non vede lui, ma Steven suo marito.
Quando Tristan bacia Elizabeth non vede lei, ma Jemie sua moglie.


Tutto questo non mi è piaciuto per niente, l'ho trovato in un certo senso parecchio morboso e anche distruttivo, un sogno ad occhi aperti che per quanto sia piacevole è una menzogna che consola solo a metà.
Su questa base è iniziato il loro rapporto che ovviamente ha vissuto dei mutamenti che non vi dirò. Ovviamente.

Un romanzo che se non fosse stato per questo mi sarebbe anche piaciuto. I personaggi non sono banali, sono un po' sopra le righe e ben strutturati e l'autrice è stata brava nel far nascere molto empatia verso le loro storie. Ho amato follemente Emma, la figlia di Elizabeth, una bimebetta tanto tenera ma con un caratterino niente male, con la sua spensieratezza ha dato un tocco di leggerezza alla storia e con non citare Faye, la migliore amica di Elizabeth? Lei è molto sopra le righe (tanto, tanto, tanto), un personaggio irriverente e senza peli sulla lingua (e qui sono sicura che sarebbe partita una sua battutaccia! LOL).
Quella strana piega che ha dato vita al rapporto tra Tristan e Elizabeth mi ha rovinato un po' tutto.
Peccato.
Peccato.
Peccato.
Un'altra cosa che non mi è piaciuta tanto è quello che è  successo verso la fine...non capirò mai perchè certe autrici continuano ad aggiungere tragedie su tragedie. *sob*

Per concludere posso dire che mi è piaciuto, ma...ma...ma...ci sono tanti 'ma'.

VOTO FINALE
☆☆☆ su cinque

Ecco qui. Il fenomeno "Cherry" non mi ha molto colpito eppure so che ha molte è piaciuto, voi che dite?

Vi lascio il calendario!


Il prossimo appuntamento è sul blog di Susy, I miei magici mondi! Non perdetevelo!

52 commenti:

  1. La parte in cui si usano è quella che ha fatto storcere il naso anche a me ma se sorvoliamo su quello che per fortuna non dura moltissimo, mi è piaciuto molto il libro anche se questo non rientra tra i miei preferiti della Cherry. Mi piace molto quest'autrice quindi se vuoi di nuovo riprovarci, ti consiglio di leggerne un altro, chissà magari ti sorprende in modo positivo

    RispondiElimina
  2. Invece per me la parte in cui si usano è coerente con il loro stato d'animo. In quel tipo di dolore si cerca qualcosa che lo allievi e che permetta di ricordare ciò che si è perso. Penso che lo sforzo che fanno di uscire dal circolo vizioso del loro dolore sia ciò che rende speciale questo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo questo dettaglio non mi è piaciuto, fortunatamente però la storia si è evoluta in maniera diversa

      Elimina
  3. Io non conosco questa autrice e non amo molto i romance. Dalla tua recensione non sembra tanto male, certo è che se i due si usano a quel modo... Non ha molte probabilità di piacermi!

    RispondiElimina
  4. I romance non sono il mio genere ma capisco le tue perplessità. Dalla tua recensione appare molto chiaro quali sono i punti di forza e i punti deboli del romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autrice ha calcato troppo la mano con la drammaticità :/

      Elimina
  5. Ottimo, mi serviva solo la tua recensione per eliminarlo definitivamente dalla WL xD della Cherry ho letto e odiato a morte L'amore arriva sempre al momento sbagliato, ma tutti mi aveva consigliato di darle un'altra chance con questo nuovo titolo super commovente e struggente. Sarà che da quando sono mamma sono particolarmente sensibile al tema perdita, ma da quel che scrivi direi proprio che lo odierei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul primo non so dirti, ma ho letto alcune recensioni che mi hanno spinto a non prenderlo

      Elimina
  6. A me questo libro della Cherry è piaciuto tantissimo, anche se, come hai detto tu, quel che succede alla fine mi è sembrato esagerato e non serviva.

    RispondiElimina
  7. Questa cosa di vedere il proprio marito/moglie nell'altro... non so, ha un che di morboso. Io coi romance oramai sono sempre agli estremi, o mi piacciono alla follia o li odio, ma gli amori fulminanti negli ultimi anni sono stati davvero pochini purtroppo :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, non credo proprio che questo libro possa piacerti :P

      Elimina
  8. Perché? Dillo a zia Libbbbri, peeeeeerché? Questo rientra di diritto nelle cose di cui io e zia Cri ti parleremo a Pontremoli!

    RispondiElimina
  9. Si, in effetti come tutto inizia è morboso. E non so se leggerò questo romanzo. Ci stavo facendo un pensierino, ma credo lo lascerò in fondo alla lista.

    RispondiElimina
  10. Bella recensione, sembra carino come storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carino è carino, ma avrebbe potuto svolgersi in maniera diversa.

      Elimina
  11. Non è decisamente un libro che prenderei in considerazione, mi spiace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto probabilmente non l'avrei preso in considerazione neanche io, ma succede...

      Elimina
  12. Avevo letto di questo romanzo ed ero incuriosita, la tua opinione così attenta e puntuale mi ha messo qualche dubbio.

    RispondiElimina
  13. Ora dì a zia Bacci chi è stato tanto crudele da farti un regalo simile. Chi devo picchiare?
    In quanto al libro ... Devo aggiungere altro?
    Bacioni belli

    RispondiElimina
  14. Sul finale concordo anche io, per il resto invece no, ne abbiamo già parlato. Ma quando una cosa non piace è così, giusto così. Brava Grazia che però non hai mollato

    RispondiElimina
  15. Solo se mi pagano per leggerlo. Però tu sei sempre una delizia.
    Lea

    RispondiElimina
  16. uh quanto mi dispiace! Io l'ho amato tanto <3

    RispondiElimina
  17. Mi ha sorpreso questa recensione perchè ho sentito sempre pareri opposti..immagino che sia il bello della lettura! ognuno ha sensazioni diverse. Io il libro non l'ho ancora letto per cui non mi sono ancora schierata aahaha. comunque bellissima recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunamente il mondo è bello perchè vario, se a tutti piacessero le stesse cose sai che noia??

      E grazie ^^

      Elimina
  18. La Cherry è amatissima, ma io non sono tra le sue più grandi ammiratrici quindi capisco il tuo punto di vista e apprezzo molto le voci fuori dal coro 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo proprio capire tutto questo entusiasmo, purtroppo con me non ha fatto centro!

      Elimina
  19. A me era piaciuto questo libro, ma mi trovi concorde sul finale.

    RispondiElimina
  20. ti confesso che di questa autrice ho letto un solo libro e mi è bastato. proprio non mi è piaciuto il suo modo di scrivere e leggendo la tua recensione credo di aver fatto bene a fermarmi a quota 1. :D

    RispondiElimina
  21. Ciao Grazia, purtroppo con il tempo ho abbandonato il genere romance, ne leggo veramente pochi, i motivi sono quelli che hai elencato tu: troppe tragedie e troppi stratagemmi assurdi e discutibili, con il tempo ho capito che mi davano i nervi e basta!

    RispondiElimina
  22. Che premessa... triste? Squallida? Penso proprio che ne farò a meno :/ già... e senza remore!

    RispondiElimina
  23. Ahahaha! Quando ho visto la GIF che hai inserito nella recensione mi sono sbellicata dalle risate! Diciamo che io ultimamente sto rifuggendo i romance che hanno nomi della serie letteraria veramente imbarazzanti. MI sta venendo il pregiudizio e io i romance li amo.
    Secondo me, comunque, il problema è che alcuni autrici di romance non hanno ancora capito che inserire più dramma nel romanzo non significa esagerare con le notizie strappalacrime. Anche in "Bridget Jones" c'è del dramma. Pur di colpire l'attenzione del lettore si inventano cose troppe ardite.

    RispondiElimina
  24. Io non l'ho letto anche se ero tentata tempo fa. Dopo questa recensione mi sa che passo oltre ahahah :P

    RispondiElimina
  25. Ehm... purtroppo non è proprio il mio genere! Come sai, mi piace molto il tuo modo di scrivere e parlare di un libro, ma questo sarebbe troppo per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cri, questo lo butterei dalla finestra tempo 3 capitoli xD

      Elimina

I vostri commenti mi rendono felice!
Lasciatene uno, vi risponderò con piacere. ♥