giovedì 22 febbraio 2018

Rose Blood di A.G. Howard |Recensione in anteprima|

Appena ho saputo dell'uscita in lingua di questo libro ho subito sperato che arrivasse anche in Italia?
Perchè?
1°. Ho amato la serie di Splintered della stessa autrice;
2°. La storia del Fantasma dell'Opera mi ha sempre affascinato.

Non potete capire la mia gioia quando ho saputo che sarebbe arrivato anche in Italia!
GIOIA PROFONDA!
Poi c'è da guardare pure la bellezza della cover, l'avete vista? Stupenda!
Ma la storia mi sarà piaciuta? Questa è la domanda essenziale.

Un grazie alla Newton per la copia digitale!


Rose Blood
di A.G. Howard
Editore: Newton Compton
Pagine: 416
Prezzo: 12,90 euro
Rune Germaine ha una splendida voce, paragonabile a quella di un angelo, ma è afflitta da una terribile maledizione: quando si esibisce, infatti, si sente malata e stanca, come se la bellezza del suo canto le rubasse ogni volta un po’ di vita. Sua madre, nel tentativo di aiutarla, decide di iscriverla a un conservatorio poco fuori Parigi, convinta che l’arte potrà curare la strana spossatezza di Rune. Poco dopo il suo arrivo nel collegio di RoseBlood, la ragazza si rende conto che c’è qualcosa di soprannaturale nell’aria. Il misterioso ragazzo che vede spesso in cortile, infatti, non frequenta nessuna delle classi a scuola e scompare rapidamente come è apparso, non appena Rune distoglie lo sguardo. Non ci vuole molto perché tra i due nasca un’amicizia segreta. Thorn, è questo il nome del ragazzo, indossa abiti che sembrano provenire da un altro secolo e in sua presenza Rune si sente meglio, quasi cominciasse davvero a guarire. Ma tra i corridoi di RoseBlood c’è una terribile minaccia in agguato, e l’amore tra Rune e Thorn, che sta sbocciando, verrà messo a dura prova. Dalla scelta di Thorn, infatti, potrebbe dipendere la salvezza di Rune o la sua completa distruzione.

Con la serie di Splintered la Howard ci ha portato all'interno di uno strano Paese delle Meraviglie dalla tinte fortemente "burtoniane" (si può dire?), un mondo strano già di suo reso ancora più folle e anche cupo e devo dire che con questo libro si è mantenuta quasi su questa linea. Infatti Rose Blood è un libro dalle forti atmosfere gotiche che ci porta a rivivere la storia del Fantasma dell'Opera...ma parecchi anni dopo.
La protagonista è Rune una giovane che porta in sè un dono particolare: la musica la controlla, ogni volta che sente un'aria lirica non può fare a meno di cantarla e questo ogni volta la distrugge. Per questo la sua famiglia decide di iscriverla a Rose Bloode, un conservatorio in Francia, in questo luogo che sembra essere fuori dal tempo Rune capirà finalmente le origini del suo dono, ma anche qualcosa di più: le sue origini.
Image from web
Fin da bambina Rune ha avuto un rapporto di odio/amore con la musica, il suo dipenderne completamente la sfibrava, gli unici momenti felici erano quelli in cui cantava accompagnata dal violino del padre e quando questo è venuto a mancare per lei niente è stato più come prima.
La musica è diventata la sua acerrima nemica.
RoseNei sogni però riusciva a trovare sollievo grazie alla presenza di una strana entità che riusciva a placare i suoi incubi e che misteriosamente riesce ad incontrare alla scuola di Rose Blood, sto parlando di Thorn.
Il rapporto tra Rune e Thorn è qualcosa di davvero particolare che riesce a superare i confini di un semplice rapporto tra ragazzo e ragazza, qualcosa di spirituale e di unico. Non sarà solo la musica ad unirli.
Tra i due ci saranno momenti di pura estasi e altri in cui dovranno lottare per salvare loro stessi, perchè il Fantasma ha per loro in serbo per loro un piano...

Sulla trama credo che non vi svelerò nient'altro, ma sappiate che è una storia parecchio intricata. L'autrice ha fatto sua  la storia del Fantasma dell'Opera, ha preso in mano il personaggio di Leroux e ci ha costruito sopra una una nuova unica storia che come il libro originale sarà una full immersion in una storia dal forte carattere gotico.

Devo dire di aver riscontrato alcune somiglianze con la storia di Splintered, in entrambi i libri le due protagoniste hanno delle discendenze particolari, il sogno è il mezzo di congiunzione tra i due protagonisti e anche qui ho notato delle descrizioni che vanno molto nel dettaglio. Purtroppo se in Splintered le ho trovate necessarie per dare più veridicità al romanzo, qui mi sono sembrate superflue e hanno rovinato la mia lettura annoiandomi un po'. Fortunatamente il mistero della storia non ha fatto abbassare il mio livello di attenzione, infatti l'ho trovata particolarmente affascinante, lo stesso non posso dire dei due personaggi principali che ho sentito un po' distanti, forse tra i due ho avuto più empatia nei confronti di Thorn, la sua storia è più "dura" e misteriosa e anche più simile a quella del Fantasma, ma ho sentito fortemente la mancanza di un personaggio dal carattere forte e deciso.

Rose Bloode è sicuramente un libro dalla storia ammaliante e intrigante, che riesce a unire il mistero, il romanticismo e anche la passione per la musica, peccato che l'autrice abbia un esagerato con le descrizioni che hanno reso il tutto un po' prolisso. Se siete amanti del gotico questo libro fa indubbiamente per voi!

VOTO FINALE
☆☆☆ e mezzo su cinque

Adesso ho veramente tanta voglia di leggere il libro di Leroux che, ahimè, non ho mai letto (che cattiva lettrice sono!)!
Voi conoscete la storia del Fantasma dell'Opera?
E avete già avuto modo di leggere i libri della Howard? Se non l'avete fatto che state aspettando?


8 commenti:

  1. Ho adorato la serie Splintered per cui non vedo l'ora di leggere questo nuovo libro *-*
    Mi dispiace per il fatto che manchi un personaggio forte perché al contrario nell'altra serie ho amato tantissimo i protagonisti dello scorso libro, Alyssa e Morpheus però mi intriga tantissimo comunque il mistero che aleggia in questo nuovo romanzo!

    RispondiElimina
  2. Mi incuriosisce moltissimo questo libro.

    RispondiElimina
  3. Questa serie mi intriga tanto anche a me. A quanto pare devo spicciarmi a leggerla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è un libro a sè ;) La serie è quella che inizia con Il mio splendido migliore amico ^^

      Elimina
  4. La trilogia Splintered mi è piaciuta, a eccezione del finale, e non vedevo l'ora che arrivasse anche questo romanzo qui da noi, anche se con le dovute cautele visto i precedenti con l'autrice. A esclusione delle parti noiose, comunque, sono contenta che ti sia comunque piaciuto, mi fa ben sperare. Sperando di riuscire a leggerlo quanto prima ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una storia interessante, merita comunque una lettura!

      Elimina

I vostri commenti mi rendono felice!
Lasciatene uno, vi risponderò con piacere. ♥